Asma: effetti sulla infiammazione bronchiale del Salmeterolo aggiunto ai corticosteroidi


Aggiungere il beta 2-agonista a lunga durata d’azione, Salmeterolo ( Serevent ), ai corticosteroidi per via inalatoria porta ad un miglior controllo dell’asma sintomatico anziché aumentare il dosaggio degli stessi corticosteroidi.

Tuttavia, poco è noto riguardo agli effetti a lungo termine dell’aggiunta del Salmeterolo sul processo infiammatorio asmatico, il cui controllo è importante per l’outcome ( esito ) dell’asma nel lungo periodo.

Dopo 4 settimane di run-in con Fluticasone, 54 pazienti con asma allergico sono stati assegnati in modo casuale a ricevere per 2 volte al giorno un trattamento con Fluticasone 250microg con o senza Salmeterolo 50microg per 1 anno ( dose totale giornaliera di Fluticasone, 500microg in entrambi i gruppi ).

L’outcome primario era rappresentato dal numero di eosinofili nell’espettorato e dalle concentrazioni della proteina cationica degli eosinofili ( ECP ).

L’aggiunta di Salmeterolo al Fluticasone ha portato ad un miglioramento del picco del flusso espiratorio, dei punteggi dei sintomi, dell’impiego di un trattamento di salvataggio e dell’iperresponsività bronchiale ( p < 0.05 per tutti ).

Non è stato riscontrato alcun effetto sostenuto sulla conta differenziale delle cellule dell’espettorato e sulla concentrazione delle citochine durante il periodo di trattamento o sui cambiamenti indotti dall’allergene al termine del trattamento ( p > 0.05 ).
Tuttavia, l’aggiunta di Salmeterolo ha ridotto in modo significativo il rapporto tra alfa2-macroglobulina ed albumina dell’espettorato durante il periodo di trattamento ( p = 0.001 ).

Secondo gli Autori l’aggiunta di Salmeterolo al Fluticasone non produce alcun effetto sostenuto sull’infiammazione delle cellule bronchiali indotta dall’allergene, ma porta ad un significativo miglioramento nella selettività delle dimensioni della permeazione della proteina plasmatica attraverso la membrana respiratoria.
Ciò può contribuire al miglioramento dell’outcome clinico osservato nei pazienti con asma allergico quando un beta 2-agonista a lunga durata d’azione viene aggiunto ai corticosteroidi per via inalatoria. ( Xagena2006 )

Koopmans JG et al, Thorax 2006; 61 : 306-313


Pneumo2006 Farma2006


Indietro

Altri articoli

I beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) hanno mostrato di aumentare il rischio di morte per asma tra...


L'uso sicuro e appropriato dei beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) per il trattamento dell’asma è stato ampiamente...


Nei pazienti con asma grave, il Tiotropio migliora la funzione polmonare e il rischio di esacerbazione quando è aggiunto ad...


L'effetto dei polimorfismi del gene che codifica per i recettori beta-2-adrenergici ( ADRB2 ) sulla risposta al trattamento con broncodilatatori...


Le recenti lineeguida dell'asma hanno sostenuto la sicurezza dei beta2-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e delle basse-moderate...


QVA149 è una terapia di combinazione a dose prefissata per il trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) costituita...


Il fumo induce infiammazione delle vie aeree e relativa resistenza agli steroidi per via inalatoria.L'obiettivo di uno studio è stato...


Le vie aeree contengono la muscolatura liscia delle vie aeree e la muscolatura liscia vascolare. Gli effetti acuti dei beta...


Il fumo induce infiammazione delle vie aeree e relativa resistenza agli steroidi per via inalatoria.L'obiettivo di uno studio è stato...


L'Indacaterolo ( Ombrez Breezhaler ) è un nuovo broncodilatatore beta-2 agonista a ultra-lunga durata d'azione, per via inalatoria, una volta...