L’associazione Salmeterolo e Fluticasone non riduce la sopravvivenza nella broncopneumopatia cronica ostruttiva


I beta-agonisti a lunga durata d’azione ed i corticosteroidi per via inalatoria sono impiegati per trattare la broncopneumopatia cronica ostruttiva, ma il loro effetto sulla sopravvivenza è sconosciuto.

I Ricercatori dello studio TORCH hanno condotto uno studio che ha confrontato l’associazione Salmeterolo ( 50mcg ) e Fluticasone ( 500mcg ) ( Advair Diskus; in Italia: Seretide ) con il placebo, il Salmeterolo da solo ( Serevent ) o il Fluticasone ( Flixotide ) da solo, per un periodo di 3 anni.

L’outcome primario era rappresentato dalla morte per qualsiasi causa.

Dei 6.112 pazienti valutati, 875 sono morti entro 3 anni dall’inizio dello studio.
L’incidenza di mortalità per tutte le cause è stata del 12.6% nel gruppo trattato con Salmeterolo e Fluticasone, 15.2% nel gruppo placebo, 13.5% nel gruppo Salmeterolo e 16% nel gruppo Fluticasone.

L’hazard ratio ( rapporto dei rischi ) di morte nel gruppo Salmeterolo e Fluticasone, rispetto al gruppo placebo, è stato 0.825 ( p = 0.052 ), corrispondente ad una differenza di 2.6 punti percentuali, oppure una riduzione del rischio di morte del 17.5%.

L’incidenza di mortalità per il solo Salmeterolo o per il solo Fluticasone non è risultata differente in modo significativo da quella del placebo.

Rispetto al placebo, l’associazione Salmeterolo e Fluticasone ha ridotto la percentuale annuale di esacerbazioni da 1.13 a 0.85 ed ha migliorato lo stato di salute ed i valori spirometrici ( p < 0.001 per tutti i confronti con il placebo ).

Non sono state osservate differenze nell’incidenza di effetti indesiderati oculari o ossei.

La probabilità di sviluppare polmonite è risultata più elevata nei soggetti trattati con Fluticasone sia in associazione con Salmeterolo ( 19.6% ) che da solo ( 8.3% ), rispetto al placebo ( 12.3% ).

La riduzione della mortalità per qualsiasi causa tra i pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva nel gruppo Salmeterolo e Fluticasone non ha raggiunto i livelli predeterminati di significatività statistica. ( Xagena2007 )

Calverley PMA et al, N Engl J Med 2007; 356: 775-789


Pneumo2007 Farma2007


Indietro

Altri articoli

I beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) hanno mostrato di aumentare il rischio di morte per asma tra...


L'uso sicuro e appropriato dei beta-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) per il trattamento dell’asma è stato ampiamente...


Nei pazienti con asma grave, il Tiotropio migliora la funzione polmonare e il rischio di esacerbazione quando è aggiunto ad...


L'effetto dei polimorfismi del gene che codifica per i recettori beta-2-adrenergici ( ADRB2 ) sulla risposta al trattamento con broncodilatatori...


Le recenti lineeguida dell'asma hanno sostenuto la sicurezza dei beta2-agonisti a lunga durata d'azione ( LABA ) e delle basse-moderate...


QVA149 è una terapia di combinazione a dose prefissata per il trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) costituita...


Il fumo induce infiammazione delle vie aeree e relativa resistenza agli steroidi per via inalatoria.L'obiettivo di uno studio è stato...


Le vie aeree contengono la muscolatura liscia delle vie aeree e la muscolatura liscia vascolare. Gli effetti acuti dei beta...


Il fumo induce infiammazione delle vie aeree e relativa resistenza agli steroidi per via inalatoria.L'obiettivo di uno studio è stato...


L'Indacaterolo ( Ombrez Breezhaler ) è un nuovo broncodilatatore beta-2 agonista a ultra-lunga durata d'azione, per via inalatoria, una volta...