Associazione tra uso di Cannabis durante l'adolescenza e neurosviluppo


Gli studi sugli animali hanno dimostrato che il cervello degli adolescenti è sensibile alle interruzioni nella segnalazione degli endocannabinoidi, con conseguente alterazione dello sviluppo neurologico ed effetti comportamentali duraturi.
Tuttavia, pochi studi hanno valutato i legami tra l'uso di Cannabis e lo sviluppo del cervello adolescenziale negli esseri umani.

È stato esaminato il grado in cui lo sviluppo dello spessore corticale cerebrale valutato con la risonanza magnetica ( MR ) è associato all'uso di Cannabis in un campione longitudinale di adolescenti.

I dati sono stati ottenuti dallo studio di coorte IMAGEN basato sulla comunità, condotto in 8 siti europei.
I dati di base utilizzati nel presente studio sono stati acquisiti dal 2008 al 2011 e i dati di follow-up sono stati acquisiti dal 2013 al 2016.

Sono stati identificati in totale 799 partecipanti a IMAGEN che hanno riferito essere naive-alla-Cannabis al basale dello studio e avevano dati comportamentali e di neuroimaging disponibili al basale e al follow-up a 5 anni.

Il consumo di Cannabis è stato valutato al basale e a 5 anni di follow-up con il progetto European School Survey on Alcohol and Other Drugs.
Lo studio ha valutato 1.598 immagini MR di 799 partecipanti ( 450 partecipanti di sesso femminile, 56.3%; età media 14.4 anni al basale e 19.0 anni al follow-up ).

Al follow-up a 5 anni, l'uso di Cannabis ( da 0 a più di 40 usi ) è stato associato negativamente allo spessore nella corteccia prefrontale sinistra ( picco: t 785=-4.87, dimensione del cluster=1.558 vertici; P=1.10 x 10-6, cluster casuale corretto dalla teoria dei campi ) e corteccia prefrontale destra ( picco: t 785=-4.27, dimensione del cluster=1.551 vertici; P=2.81 x 10-5, cluster casuale corretto dalla teoria dei campi ).

Non ci sono state associazioni significative tra l'uso di Cannabis a vita al follow-up a 5 anni e lo spessore corticale di base, suggerendo che le differenze neuroanatomiche osservate non precedevano l'inizio dell'uso di Cannabis.

L'analisi longitudinale ha rivelato che l'assottigliamento corticale correlato all'età è stato qualificato dall'uso di Cannabis in modo dose-dipendente in modo tale che un maggiore uso, dal basale al follow-up, è stato associato a un aumento dell'assottigliamento nella corteccia prefrontale sinistra ( picco: t 815.27=-4.24, dimensione del cluster= 3.643 vertici; P=2.28 x 10-8, cluster casuale corretto dalla teoria dei campi ) e corteccia prefrontale destra ( picco: t 813.30=-4.71, dimensione del cluster = 2.675 vertici; P=3.72 x 10-8, cluster casuale corretto dalla teoria dei campi ).

Il modello spaziale dell’assottigliamento correlato alla Cannabis è stato associato all’assottigliamento correlato all'età in questo campione ( r=0.540; P minore di 0.001 ) e a una mappa di legame del recettore dei cannabinoidi 1 valutata con tomografia a emissione di positroni derivata da un campione separato di partecipanti ( r=-0.189; P minore di 0.001 ).

L'analisi ha rivelato che l'assottigliamento della corteccia prefrontale destra, dal basale al follow-up, è stata associata all'impulsività dell'attenzione al follow-up.

I risultati hanno indicato che l'uso di Cannabis durante l'adolescenza è associato a uno sviluppo neurologico alterato, in particolare nelle cortecce ricche di recettori del cannabinoide 1 e che subiscono il più grande cambiamento di spessore correlato all'età nella media e tarda adolescenza. ( Xagena2021 )

Albaugh MD et al, JAMA Psychiatry 2021; 78: 1031-1040

Psyche2021 Pedia2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Secondo uno studio, i pazienti che fanno uso di Cannabis provano più dolore dopo un intervento chirurgico rispetto ai pazienti...


L'espansione della medicalizzazione e della legalizzazione della Cannabis aumenta l'urgenza di comprendere i fattori associati alla disabilità acuta alla guida. Si...


L'uso prenatale di Cannabis continua ad aumentare, ma gli studi sulle caratteristiche demografiche, psichiatriche e mediche associate all'uso di Cannabis...


Tra i pazienti con emorragia subaracnoidea aneurismatica, quelli con un consumo recente di Cannabis avevano maggiori probabilità di avere un'ischemia...


Uno studio ha evidenziato un elevato rischio di malattia cardiovascolare di tipo aterosclerotico associato all'uso di Cannabis. Dei 7.159 partecipanti (...


Alla luce dell'aumento dell'uso di Cannabis tra le donne in gravidanza, il Surgeon General degli Stati Uniti ha recentemente emesso...


Esiste una necessità clinica sostanziale e insoddisfatta per il trattamento farmacologico dei disturbi da uso di Cannabis. Il Cannabidiolo potrebbe...


La Cannabis è una delle droghe più utilizzate al mondo. Il disturbo da uso di Cannabis è caratterizzato dall'uso ricorrente...


L'uso di Cannabis è associato ad un aumentato rischio di successivo disturbo psicotico, ma non è chiaro se influisca sull'incidenza...