Fattori di rischio cardiovascolari associati all'uso di Cannabis


Uno studio ha evidenziato un elevato rischio di malattia cardiovascolare di tipo aterosclerotico associato all'uso di Cannabis.

Dei 7.159 partecipanti ( età media, 38 anni; 49% uomini ) al National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES ) dal 2011 al 2018 che avevano più di 18 anni, senza storia di malattia cardiovascolare e che avevano auto-riferito lo stato di consumo di Cannabis, il 63.9% ha dichiarato di aver fatto uso di Cannabis.
Tutti i partecipanti allo studio sono stati valutati per un rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica ( ASCVD ) basso ( meno del 5% ), borderline ( dal 5% al 7.4% ), intermedio ( dal 7.5% al 19.9% ) o alto ( 20% o più ) a 10 anni utilizzando il punteggio di rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica secondo i criteri ACC ( American College of Cardiology ) / AHA ( American Heart Association ).

I partecipanti che hanno riferito di aver usato Cannabis avevano il 60% in più di probabilità di rischio elevato di malattia cardiovascolare aterosclerotica ( odds ratio, OR = 1.6; IC 95%, 1.04-2.45 ), il 49% in più di probabilità di rischio intermedio ( OR = 1.49; IC 95%, 1.26-1.78 ) e il 51% di probabilità di rischio borderline ( OR = 1.51; IC 95%, 1.23-1.84 ).

Inoltre, è stata anche osservata una relazione dose-risposta tra un maggiore uso di Cannabis e un rischio più elevato di malattia cardiovascolare aterosclerotica.

Per i partecipanti che hanno segnalato uno o più usi di Cannabis al giorno, l'odds ratio è stato pari a 1.72 ( IC al 95%, 1.38-2.16 ) per il rischio borderline, 1.94 ( IC al 95%, 1.60-2.35 ) per il rischio intermedio e 1.87 ( IC al 95%, 1.16 -3.01 ) per l'alto rischio.

Per il fatto che lo studio ha escluso le persone con una storia di malattia cardiovascolare, i risultati hanno anche implicazioni dal punto di vista cardiologico preventivo.

Lo studio non è privo di limitazioni, incluso il fatto che l'uso di Cannabis era auto-riferito e, pertanto, la sua prevalenza potrebbe essere sottovalutata. Inoltre, non sono stati riferiti dati su dosaggio, via di somministrazione o periodi di astinenza, né dati sul tipo di Cannabis utilizzata.

Tuttavia, nonostante questi limiti, lo studio ha dimostrato un nuovo legame tra l'uso di Cannabis e la malattia cardiovascolare aterosclerotica. ( Xagena2021 )

Fonte: American Journal of Cardiology, 2021

Psyche2021 Cardio2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Secondo uno studio, i pazienti che fanno uso di Cannabis provano più dolore dopo un intervento chirurgico rispetto ai pazienti...


L'espansione della medicalizzazione e della legalizzazione della Cannabis aumenta l'urgenza di comprendere i fattori associati alla disabilità acuta alla guida. Si...


L'uso prenatale di Cannabis continua ad aumentare, ma gli studi sulle caratteristiche demografiche, psichiatriche e mediche associate all'uso di Cannabis...


Tra i pazienti con emorragia subaracnoidea aneurismatica, quelli con un consumo recente di Cannabis avevano maggiori probabilità di avere un'ischemia...


Gli studi sugli animali hanno dimostrato che il cervello degli adolescenti è sensibile alle interruzioni nella segnalazione degli endocannabinoidi, con...


Alla luce dell'aumento dell'uso di Cannabis tra le donne in gravidanza, il Surgeon General degli Stati Uniti ha recentemente emesso...


Esiste una necessità clinica sostanziale e insoddisfatta per il trattamento farmacologico dei disturbi da uso di Cannabis. Il Cannabidiolo potrebbe...


La Cannabis è una delle droghe più utilizzate al mondo. Il disturbo da uso di Cannabis è caratterizzato dall'uso ricorrente...


L'uso di Cannabis è associato ad un aumentato rischio di successivo disturbo psicotico, ma non è chiaro se influisca sull'incidenza...