Studio PRECISION: il rischio cardiovascolare con Celecoxib non è superiore a quello di Ibuprofene e Naprossene


Quando utilizzato a dosi moderate, l’inibitore selettivo di COX-2, Celecoxib ( Celebrex ), è risultato non-inferiore ai farmaci anti-infiammatori non-steroidei ( FANS ) non-selettivi, Ibuprofene e Naproxene, riguardo alla sicurezza cardiovascolare.
I farmaci antinfiammatori sono stati studiati nei pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide e malattia cardiovascolare o aumento del rischio cardiovascolare.

Inoltre, il trattamento con Celecoxib è risultato associato a una minore incidenza di eventi gastrointestinali rispetto a Ibuprofene e Naprossene, e a più bassi tassi di eventi avversi renali rispetto a Ibuprofene.

I timori riguardo alla sicurezza cardiovascolare degli inibitori selettivi di COX-2 sono sorti nel 2004 con il ritiro dal commercio di Rofecoxib ( Vioxx ).
Successivamente, l’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Admnstration ), aveva richiesto uno studio di sicurezza cardiovascolare post-marketing per confrontare Celecoxib, un inibitore selettivo di COX-2 simile a Rofecoxib, con i FANS tradizionali non-selettivi.

Un totale di 24.081 pazienti presso 924 Centri in 13 Paesi sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1: 1: 1 a ricevere Celecoxib ( dose media giornaliera, 209 mg ), Ibuprofene ( 2045 mg ) oppure Naprossene ( 852 mg ) con placebo.
A tutti pazienti è stato anche prescritto Esomeprazolo da 20 a 40 mg per la protezione gastrica.

I pazienti potevano inoltre richiedere fino a 100 mg di Aspirina al giorno, in base alle raccomandazioni delle lineeguida.

I pazienti arruolati avevano artrosi ( 90% ) o artrite reumatoide ( 10% ) e malattia coronarica o aumento del rischio cardiovascolare che necessitavano di terapia con FANS per 6 mesi o più per il sollievo dei sintomi.
Al basale, l'età media era di 63 anni, il 64% era di sesso femminile, il 75% era di razza bianca e il 35% era affetto da diabete mellito.

La durata media del trattamento è stata di 20 mesi. I pazienti sono stati seguiti per un periodo medio di 34 mesi.

Durante il periodo di studio, il 68% dei pazienti ha smesso di assumere il farmaco in studio e il 27.4% ha interrotto il follow-up.

L'endpoint primario dello studio era un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale o ictus non-fatale in base ai criteri APTC ( Antiplatelet Trialists Collaboration ).

Nella coorte intention-to-treat, un evento di outcome primario si è verificato nel 2.3% dei pazienti assegnati a Celecoxib, 2,5% a quelli del gruppo Naprossene e del 2.7% assegnati a Ibuprofene ( hazard ratio, HR per Celecoxib vs Naprossene = 0.93; IC 95%, 0.76-1.13, P per la non-inferiorità minore di 0.001; HR per Celecoxib vs Ibuprofene = 0.85; IC 95%, 0.7-1.04; P per la non-inferiorità minore di 0.001; HR per Ibuprofene rispetto al Naprossene = 1.08; IC 95%, 0.9-1.31; P per la non-inferiorità = 0.02 ).

Nella coorte in-trattamento, un evento di outcome primario si è verificato nell’1.7% del gruppo Celecoxib, 1.8% del gruppo Naprossene e nell'1.9% del gruppo Ibuprofene ( HR per Celecoxib vs Naprossene = 0.9; IC 95%, 0.71-1.15, P per la non-inferiorità inferiore a 0.001; HR per Celecoxib vs Ibuprofene = 0.81; IC 95%, 0.65-1.02, P per la non-inferiorità inferiore a 0.001; HR per l'Ibuprofene rispetto al Naprossene = 1.12; IC 95%, 0.89-1.4; P per la non-inferiorità = 0.025 ).

Il tasso di eventi gastrointestinali è stato inferiore con Celecoxib rispetto al Naprossene ( HR=0.71; IC 95%, 0.54-0.93; P = 0.01 ) e Celecoxib vs Ibuprofene ( HR=0.65; IC 95%, 0.5-0.85; P = 0.002 ).
Rispetto a Ibuprofene, Celecoxib era associato a un tasso di eventi significativamente più basso per eventi renali gravi ( HR=0.61; IC 95%, 0.44-0.85 ); tuttavia, la differenza di eventi renali non era significativamente differente tra Celecoxib e Naprossene ( HR=0.79; IC 95%, 0.56-1.12 ).

Il tasso di ospedalizzazione per l'ipertensione era significativamente inferiore con Celecoxib rispetto a Ibuprofene, ma non significativamente diverso con Celecoxib rispetto a Naprossene.

Lo studio presenta diverse limitazioni, tra cui la bassa aderenza e ritenzione rispetto ad altri studi di outcome cardiovascolare e l'uso di una dose non-elevata di Celecoxib ( 100 mg due volte al giorno ).
Precedenti studi clinici che hanno fornito segnali di danno cardiovascolare hanno preso in considerazione dosaggi di Celecoxib molto più alti e fino a 800 mg al giorno.

I risultati dello studio PRECISION sono stati contemporaneamente pubblicati sul The New England Journal of Medicine. ( Xagena2016 )

Fonte: American Heart Association ( AHA ) Scientific Sessions, 2016

Cardio2016 Reuma2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli


La chirurgia del tumore alla testa e al collo ( HNC ) con ricostruzione tissutale libera è associata a considerevole...


Le lineeguida attuali sono in conflitto per i pazienti ad alto rischio di eventi sia cardiovascolari che gastrointestinali che continuano...


La iperespressione tumorale della cicloossigenasi-2 ( COX-2 ) è risultata associata a un peggiore risultato nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule...


STAMPEDE ( Systemic Therapy for Advanced or Metastatic Prostate Cancer: Evaluation of Drug Efficacy ) è uno studio randomizzato controllato...


Celecoxib ( Celebrex ) è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene per quanto riguarda la sicurezza cardiovascolare. Rispetto...


Celecoxib ( Celebrex ), impiegato a dosaggi moderati nei pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide, presenta un profilo cardiovascolare simile...


L’espressione della proteina cicloossigenasi-2 ( COX-2 ) in pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule potrebbe non solo rappresentare un...


L’Agenzia europea dei Medicinali, EMA, ha completato la revisione sull'uso di Celecoxib per ridurre il numero di polipi in pazienti...