Expert Consensus per l'utilizzo di Apomorfina nella malattia di Parkinson: raccomandazioni per la pratica clinica


Un’ampia evidenza è a supporto dell'uso di Apomorfina somministrata per via sottocutanea come una terapia efficace per la malattia di Parkinson, ma fino ad oggi nessuna raccomandazione di consenso era a disposizione per guidare gli operatori sanitari nell'applicazione ottimale della terapia con Apomorfina nella pratica clinica.

Un documento di raccomandazioni di buone pratiche è stato redatto per la selezione dei candidati idonei per il trattamento con Apomorfina per via iniettiva intermittente ( formulazione penna-iniezione ) o con Apomorfina per infusione continua ( formulazione pompa ), per l'avvio dei pazienti alla terapia e per la gestione del loro trattamento in corso.

L’Apomorfina è un'opzione terapeutica adatta per i pazienti con malattia di Parkinson che soffrono di fastidiosi periodi OFF nonostante il trattamento ottimale con i farmaci per via orale.

Grazie alla sua velocità di azione, l’iniezione di Apomorfina è particolarmente adatta a quei pazienti che necessitano di un rapido sollievo per entrambi i periodi OFF, prevedibili e imprevedibili, e a coloro che richiedono sollievo rapido e affidabile quando si aspetta un periodo OFF, a quelli con problemi di assorbimento della Levodopa o con problemi di svuotamento gastrico che presentano un periodo ON in ritardo o non-riuscito, o per rapido sollievo della distonia del primo mattino o della acinesia.

L’Apomorfina per infusione è adatta per i pazienti in cui i periodi OFF non possono più essere adeguatamente controllati con trattamento orale standard o per coloro nei quali l’Apomorfina per via iniettiva alle dosi di salvataggio è efficace, ma deve essere somministrata con alta frequenza ( più di 4-6 volte al giorno ), o sono associate ad aumento della discinesia.

Oltre a trattare le fluttuazioni motorie, ci sono prove che l’Apomorfina per infusione può essere efficace per la gestione di specifici sintomi non-motori della malattia di Parkinson associati a periodi OFF.

L’Apomorfina per infusione è meno invasiva rispetto ad altre opzioni di trattamento non-orali per la malattia avanzata, come l’infusione intradigiunale di Levodopa e la stimolazione cerebrale profonda. ( Xagena2015 )

Trenkwalder C et al, Parkinsonism Relat Disord 2015; Epub ahead of print

Neuro2015 Farma2015


Indietro

Altri articoli

Molti pazienti con malattia di Parkinson hanno episodi potenzialmente disabilitanti che non sono prevedibilmente sensibili alla Levodopa. Sono state valutate...


L'infusione di Apomorfina sottocutanea è una terapia clinicamente definita per i pazienti con malattia di Parkinson con fluttuazioni motorie non-controllate...


Prove da studi clinici e patologici suggeriscono un ruolo sia per l'alfa-sinucleina che per il beta-amiloide nella fisiopatologia della demenza...


Tenendo conto del parere del Comitato per la valutazione dei rischi in farmacovigilanza ( PRAC ), Chiesi Farmaceutici, in accordo...


L’infusione continua di Apomorfina ( Apofin ) è un trattamento efficace nella malattia di Parkinson fluttuante. Tuttavia, l'efficacia e la...


L’FDA ha approvato l’Apomorfina per via iniettabile ( Apokyn ) nel trattamento della malattia di Parkinson durante i periodi...


L'Apomorfina ( Uprima ) trova indicazione nel trattamento della disfunzione erettile.Il farmaco è un agonista dopaminergico e presenta un meccanismo...


L’Apomorfina è un farmaco che trova indicazione nella disfunzione erettile. Il profilo di sicurezza e tollerabilità dell’Apomorfina SL ( Uprima...


Molti uomini che presentano disfunzione erettile hanno anche ipertensione. Nel SL APO Study sono stati misurati gli effetti di 5...