L’Apomorfina somministrata assieme a Domperidone può causare prolungamento dell’intervallo QT


Tenendo conto del parere del Comitato per la valutazione dei rischi in farmacovigilanza ( PRAC ), Chiesi Farmaceutici, in accordo con l’Agenzia Italiana del Farmaco ( AIFA ) ha informato, gli operatori sanitari del rischio di prolungamento dell’intervallo QT associato al trattamento concomitante Apomorfina cloridrato ( Apofin, Apofin Stylo ) e Domperidone.

I pazienti trattati con Apomorfina necessitano di solito di iniziare il Domperidone almeno due giorni prima l’inizio della terapia.
Il Domperidone deve essere titolato alla più bassa dose efficace e sospeso il prima possibile.
Prima di iniziare la terapia concomitante con Domperidone ed Apomorfina, si devono attentamente valutare i fattori di rischio individuali per allungamento dell’intervallo QT per assicurarsi che i benefici superino i rischi.

Poiché l’Apomorfina, in particolar modo ad alte dosi, può aumentare il rischio di prolungamento del QT, è richiesta cautela nel trattamento dei pazienti con fattori di rischio per torsione di punta.
Quando l’Apomorfina è utilizzata assieme al Domperidone, prima di iniziare il trattamento e durante il trattamento si devono attentamente valutare i fattori di rischio individuale per allungamento dell’intervallo QT.
Importanti fattori di rischio sono: gravi patologie cardiologiche sottostanti come lo scompenso cardiaco congestizio; grave insufficienza epatica; significative alterazioni a carico degli elettroliti. Inoltre, bisogna tener conto di altre terapie che alterino il bilancio degli elettroliti, interferiscano con il metabolismo del CYP3A4 e influenzano l’intervallo QT.

È consigliabile monitorare l’effetto sull’intervallo QTc per mezzo di un ECG ( elettrocardiogramma ) che deve essere eseguito: prima dell’inizio del trattamento con Domperidone; durante la fase iniziale del trattamento; successivamente se clinicamente indicato.

I pazienti devono essere istruiti a segnalare eventuali sintomi cardiaci ( p. es. palpitazioni, sincope ) ed eventuali variazioni cliniche che potrebbero portare a ipokaliemia, come gastroenterite o l'inizio della terapia diuretica.

Ad ogni visita medica, i fattori di rischio devono essere rivalutati.

Inoltre nella scheda tecnica sono state inserite le reazioni avverse Allucinazione e Sincope, rispettivamente con frequenza molto comune e non nota, in considerazione del numero di reazioni notificate alle Autorità Regolatorie Europee. ( Xagena2016 )

Fonte: AIFA, 2016

Neuro2016 Cardio2016 Farma2016


Indietro

Altri articoli

Molti pazienti con malattia di Parkinson hanno episodi potenzialmente disabilitanti che non sono prevedibilmente sensibili alla Levodopa. Sono state valutate...


L'infusione di Apomorfina sottocutanea è una terapia clinicamente definita per i pazienti con malattia di Parkinson con fluttuazioni motorie non-controllate...


Prove da studi clinici e patologici suggeriscono un ruolo sia per l'alfa-sinucleina che per il beta-amiloide nella fisiopatologia della demenza...


L’infusione continua di Apomorfina ( Apofin ) è un trattamento efficace nella malattia di Parkinson fluttuante. Tuttavia, l'efficacia e la...


Un’ampia evidenza è a supporto dell'uso di Apomorfina somministrata per via sottocutanea come una terapia efficace per la malattia di...


L’FDA ha approvato l’Apomorfina per via iniettabile ( Apokyn ) nel trattamento della malattia di Parkinson durante i periodi...


L'Apomorfina ( Uprima ) trova indicazione nel trattamento della disfunzione erettile.Il farmaco è un agonista dopaminergico e presenta un meccanismo...


L’Apomorfina è un farmaco che trova indicazione nella disfunzione erettile. Il profilo di sicurezza e tollerabilità dell’Apomorfina SL ( Uprima...


Molti uomini che presentano disfunzione erettile hanno anche ipertensione. Nel SL APO Study sono stati misurati gli effetti di 5...