Anticorpi monoclonali anti-COVID, Sotrovimab: attività antivirale ed efficacia clinica


Sotrovimab ( Xevudy ) è un anticorpo monoclonale ( mAb ) IgG1 che si lega a un epitopo altamente conservato della proteina spike nel sito di legame del recettore di SARS-CoV-2.

Attività antivirale

Sotrovimab neutralizza in vitro il virus SARS-CoV-2 wild-type con una concentrazione tale da produrre il 50% dell’effetto massimo ( EC50 ) pari a 100.1 ng/mL.
Le valutazioni delle particelle simil-virus ( virus-like particle - VLP ) pseudotipizzate hanno indicato cambiamenti nei valori EC50 di Sotrovimab rispetto al wild-type pari a meno di 3 volte, contro le seguenti varianti della proteina spike: Alpha ( B.1.1.7; cambiamento di 2.30 volte del valore EC50 ); Beta ( B.1.351; cambiamento di 0.60 volte del valore EC50 ); Gamma ( P.1; cambiamento di 0.35 volte del valore EC50 ); Epsilon ( B.1.427/B.1.429; cambiamento di 0.70 volte del valore EC50 ); Iota ( B.1.526; cambiamento di 0.6 volte del valore EC50 ), Kappa ( B.1.617.1; cambiamento di 0.7 volte del valore EC50 ), Delta ( B.1.617.2; cambiamento di 1 volta del valore EC50 ), Lambda ( C.37 1.5 cambiamento di 1.5 volte del valore EC50 ), Delta Plus ( AY.1; cambiamento di 1.1 volte del valore EC50, AY.2; cambiamento di 1.3 volte del valore EC50 ), Mu ( B.1.621; cambiamento di 1.3 volte del valore EC50 ) e Omicron ( B.1.1.529; cambiamento di 2.7 volte del valore EC50 ).

I dati di microneutralizzazione sulle varianti autentiche di SARS-CoV-2 hanno indicato le seguenti modifiche nei valori di EC50 di Sotrovimab rispetto al virus wild-type: Alpha, cambiamento di 3 volte del valore EC50; Beta, cambiamento di 1.2 volte del valore EC50; Gamma, cambiamento di 1.6 volte del valore EC50; Kappa, cambiamento di 0.9 volte del valore EC50 e Delta, cambiamento di 0.4 volte del valore EC50.

Efficacia clinica

COMET-ICE era uno studio di fase II/III randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo che ha valutato Sotrovimab come trattamento per COVID-19 in pazienti adulti non-ospedalizzati, non-vaccinati, che non richiedevano alcuna forma di Ossigeno supplementare all'ingresso nello studio.

Lo studio ha incluso pazienti con sintomi insorti entro 5 giorni o meno, e infezione da virus SARS-CoV-2 confermata in laboratorio.
I pazienti eleggibili avevano almeno uno dei seguenti fattori di rischio: diabete mellito, obesità ( indice di massa corporea [ BMI ] maggiore di 30 ), malattia renale cronica, insufficienza cardiaca congestizia, malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), oppure asma da moderata a severa, o avevano un’età pari o superiore a 55 anni.

I pazienti sono stati randomizzati a una singola infusione di 500 mg di Sotrovimab ( n=528 ) oppure placebo ( n=529 ) nell'arco di 1 ora.
Nella popolazione Intent-to-Treat ( ITT ) al giorno 29, il 46% era di sesso maschile e l'età mediana era di 53 anni ( range: 17-96 ); il 20% dei pazienti aveva 65 anni o più e l'11% aveva più di 70 anni.
Il trattamento è stato somministrato entro 3 giorni dalla comparsa dei sintomi di COVID-19 nel 59% dei pazienti, e il 41% è stato trattato entro 4-5 giorni.
I quattro fattori di rischio o comorbidità predefiniti più comuni erano l'obesità ( 63% ), l'età pari a 55 anni o più ( 47% ), il diabete mellito che necessita di trattamento farmacologico ( 22% ) e l'asma da moderata a severa ( 17% ).

La riduzione del rischio relativo aggiustato di ospedalizzazione o morte entro il giorno 29 nella popolazione ITT è stato del 79% ( IC al 95%: 50%, 91% ).
La differenza è stata determinata dai tassi di ospedalizzazione e nessun decesso è stato registrato nel braccio Sotrovimab rispetto a 2 decessi nel braccio placebo fino al giorno 29.

Nessun paziente nel braccio Sotrovimab, contro 14 nel braccio placebo, ha avuto bisogno di Ossigeno ad alto flusso o ventilazione meccanica fino al giorno 29.

Fonte: EMA, 2021

Inf2021 Med2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...