Anticorpi patologici contro il fattore piastrinico 4 dopo la vaccinazione con il vaccino AstraZeneca ChAdOx1 nCoV-19


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2.
In un anno sono stati sviluppati diversi vaccini e consegnate milioni di dosi.
La segnalazione di eventi avversi è un'attività critica post-marketing.

Sono stati riportati i risultati in 23 pazienti che hanno presentato trombosi e trombocitopenia da 6 a 24 giorni dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 ( AstraZeneca ).
Sulla base delle loro caratteristiche cliniche e di laboratorio, è stato identificato un nuovo meccanismo alla base e sono state affrontate le implicazioni terapeutiche.

In assenza di precedenti condizioni mediche protrombotiche, 22 pazienti hanno presentato trombocitopenia acuta e trombosi, principalmente trombosi venosa cerebrale, e 1 paziente ha presentato trombocitopenia isolata e un fenotipo emorragico.
Tutti i pazienti avevano livelli di fibrinogeno bassi o normali ed elevati livelli di D-dimero alla presentazione.

Non è stata identificata alcuna evidenza di trombofilia o precipitanti causali. Il test per gli anticorpi al fattore piastrinico 4 ( PF4 ) è risultato positivo in 22 pazienti ( con 1 risultato dubbio ) e negativo in 1 paziente.

Sulla base delle caratteristiche fisiopatologiche osservate in questi pazienti, si raccomanda di evitare il trattamento con trasfusioni di piastrine a causa del rischio di progressione dei sintomi trombotici e di considerare la somministrazione di un agente anticoagulante non-eparinico e di immunoglobuline endovenose per la prima insorgenza di questi sintomi.

La vaccinazione contro SARS-CoV-2 rimane fondamentale per il controllo della pandemia di COVID-19.
Dopo la somministrazione del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 può verificarsi una sindrome patogena dipendente da PF4, non-correlata all'uso della terapia eparinica.
La rapida identificazione di questa rara sindrome è importante a causa delle implicazioni terapeutiche. ( Xagena2021 )

Scully M et al, N Engl J Med 2021; 384: 2202-2211

Vac2021 Emo2021 Inf2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...