Autoanticorpi contro l'antagonista del recettore dell'interleuchina-1 nella sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini


La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( MIS-C ) è una rara ma grave complicanza dell'infezione da SARS-CoV-2.
È stato discusso un possibile coinvolgimento di autoanticorpi patogeneticamente rilevanti.

Recentemente, autoanticorpi neutralizzanti contro gli antagonisti del recettore infiammatorio progranulina e antagonista del recettore dell'interleuchina-1 ( IL-1Ra ) sono stati trovati in pazienti adulti con malattia COVID-19 critica.

È stato esaminato il ruolo di tali autoanticorpi nella sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini.

In uno studio multicentrico, retrospettivo, di coorte, sono stati raccolti campioni di plasma e siero da pazienti ( 0-18 anni ) con MIS-C ( secondo i criteri dell'OMS ) trattati in cinque centri clinici in Germania e Spagna.
Come controlli, sono stati inclusi campioni di plasma o siero di bambini con malattia di Kawasaki, bambini con artrite idiopatica giovanile sistemica inattiva e bambini con sospetto ritardo della crescita ( controllo non-infiammatorio ) in quattro centri clinici in Germania e Spagna ( tutti di età minore o uguale a 18 anni ).

I campioni di siero dello studio CoKiBa sono stati utilizzati come due ulteriori gruppi di controllo, da bambini sani ( negativi per gli anticorpi SARS-CoV-2 ) e bambini con precedente malattia COVID-19 lieve o asintomatica ( età inferiore o uguale a 17 anni ).
La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini e i campioni di controllo sono stati analizzati per gli autoanticorpi contro IL-1Ra e progranulina e per le concentrazioni di IL-1Ra, mediante ELISA.

L'analisi biochimica dell'IL-1Ra plasmatica è stata eseguita con Western blot nativi e focalizzazione isoelettrica.
L'attività funzionale degli autoanticorpi è stata esaminata mediante un test reporter di segnalazione IL-1-beta in vitro.

Campioni di siero e plasma sono stati raccolti tra marzo 2011 e giugno 2021.

Gli autoanticorpi contro IL-1Ra sono stati rilevati in 13 dei 21 pazienti ( 62% ) con sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( 11 ragazze e 10 ragazzi ), ma non in bambini con malattia di Kawasaki ( n=24; 9 femmine e 15 maschi), COVID-19 asintomatica o lieve ( n=146; 72 femmine e 74 maschi ), artrite idiopatica giovanile sistemica inattiva ( n=10; 5 femmine e 5 maschi), sospetto ritardo della crescita ( n=33; 13 ragazze e 20 ragazzi ) o nei controlli sani ( n=462; 230 ragazze e 232 ragazzi ).

Gli anticorpi anti-IL-1Ra nei pazienti con sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini appartenevano esclusivamente alla sottoclasse IgG1, tranne in un paziente che aveva anticorpi IgM specifici per IL-1Ra aggiuntivi.

Gli autoanticorpi contro la progranulina sono stati rilevati solo in un paziente ( 5% ) con sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini.

Nei pazienti con sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini positivi agli anticorpi anti-IL-1Ra, le concentrazioni plasmatiche libere di IL-1Ra sono state ridotte e sono stati rilevati immunocomplessi di IL-1Ra.
In particolare, in tutti i pazienti con sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini che erano positivi agli anticorpi anti-IL-1Ra è stata osservata un'isoforma atipica aggiuntiva, iperfosforilata e transitoria di IL-1Ra.
Gli anticorpi anti-IL-1Ra hanno alterato la funzione di IL-1Ra nei saggi cellulari reporter, con conseguente amplificazione della segnalazione di IL-1-beta.

Gli autoanticorpi anti-IL-1Ra sono stati osservati in un'alta percentuale di pazienti con sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ed erano specifici per questi pazienti.
La generazione di questi autoanticorpi potrebbe essere innescata da un'isoforma atipica e iperfosforilata di IL-1Ra.
Questi autoanticorpi alterano la bioattività di IL-1Ra e potrebbero quindi contribuire ad aumentare la segnalazione di IL-1-beta nella sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini. ( Xagena2022 )

Pfeifer J et al, Lancet Rheumatology 2022; 4: 329-337

Inf2022 Med2022 Pedia2022



Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


La miopatia associata agli anticorpi anti-idrossi-metil-glutaril-coenzima A reduttasi ( HMGCR ) è stata riconosciuta come una nuova forma di miopatia...


Le donne positive agli anticorpi contro la perossidasi tiroidea ( TPO-Ab ) hanno un rischio maggiore di aborti ricorrenti. Le...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...