Gli autoanticorpi LRPAP1 hanno un valore prognostico nel linfoma mantellare


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare ( MCL ).
Da una ricerca è emerso che i pazienti con linfoma mantellare e presenza di autoanticorpi LRPAP1 correlati alla proteina associata al recettore LDL hanno presentato esiti migliori.

I ricercatori hanno ottenuto sieri da pazienti trattati in Germania nell'ambito degli studi europei MCL Younger and Elderly.
Un totale di 312 campioni di siero aveva dati per LRPAP1, e sono stati inclusi nello studio. Il 79% dei campioni proveniva da pazienti di sesso maschile, e l'età media era di 60 anni.

LRPAP1 era stato in precedenza trovato nello screening come autoantigene che induce la proliferazione del linfoma mantellare.
Il 13% ( n = 41 ) dei pazienti aveva autoanticorpi LRPAP1.
I pazienti con autoanticorpi LRPAP1 presentavano una sopravvivenza libera da fallimento ( FFS ) superiore, con una probabilità a 5 anni del 70% versus 51% senza autoanticorpi LRPAP1 ( P = 0.0052 ).

I pazienti con autoanticorpi avevano anche una sopravvivenza globale ( OS ) superiore, con una probabilità a 5 anni del 93% contro il 68% ( P = 0.0142 ).

E' stata anche condotta una analisi di sensibilità che ha utilizzato una definizione più restrittiva di sieropositività di LRPAP1, che ha confermato la sopravvivenza senza fallimenti e la sopravvivenza globale favorevoli.

Non è stata riscontrata alcuna associazione significativa tra lo stato sierologico degli autoanticorpi LRPAP1 e lo stato di malattia minima residua ( MRD ) alla fine della terapia di induzione o a 1 anno. Anche la presenza di autoanticorpi non era associata alle caratteristiche cliniche di base.

I pazienti con autoanticorpi LRPAP1 hanno presentato una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale quando trattati con immunochemioterapia, indipendentemente dal punteggio MIPI ( Mantle Cell Lymphoma International Prognostic Index ).

Sulla base dei risultati di questo studio e di studi precedenti, LRPAP1 rimane un fattore prognostico indipendente per il linfoma mantellare.
Studi futuri dovranno convalidare il valore prognostico della sieropositività di LRPAP1. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood, 2021

Emo2021 Onco2021



Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...