Il cocktail di anticorpi REGN-COV2 riduce i livelli virali e migliora i sintomi nei pazienti COVID-19 non-ospedalizzati


I primi dati da un'analisi descrittiva di uno studio di fase 1/2/3 senza interruzioni del cocktail di anticorpi sperimentali REGN-COV2 hanno mostrato una riduzione della carica virale e del tempo necessario per alleviare i sintomi nei pazienti non-ospedalizzati con COVID-19.
REGN-COV2 ha anche mostrato tendenze positive nella riduzione delle visite mediche.

Lo studio in corso, randomizzato, in doppio cieco, ha come obiettivo la misurazione dell'effetto dell'aggiunta di REGN-COV2 al normale standard di cura, rispetto all'aggiunta del placebo allo standard di cura.
Questo studio fa parte di un Programma più ampio che include anche studi di REGN-COV2 per il trattamento dei pazienti ospedalizzati e per la prevenzione delle infezioni nelle persone che sono state esposte a pazienti COVID-19.

L'analisi descrittiva ha incluso i primi 275 pazienti arruolati nello studio ed è stata progettata per valutare l'attività antivirale di REGN-COV2 e identificare i pazienti con maggiori probabilità di trarre beneficio dal trattamento; la prossima coorte, che potrebbe essere utilizzata per confermare rapidamente e prospetticamente questi risultati, è già stata arruolata.

I pazienti nello studio sono stati randomizzati in un rapporto 1:1:1 a ricevere un'unica infusione di 8 grammi di REGN-COV2 ( dose alta ), 2.4 grammi di REGN-COV2 ( dose bassa ) oppure placebo.
Tutti i pazienti che hanno partecipato allo studio presentavano malattia COVID-19 confermata in laboratorio che era in trattamento ambulatoriale.
I pazienti sono stati caratterizzati prospetticamente prima del trattamento mediante test sierologici per vedere se avevano già generato anticorpi antivirali da soli, ed erano stati classificati come sieronegativi ( anticorpi antivirali non-misurabili ) o sieropositivi ( anticorpi antivirali misurabili ).
Circa il 45% dei pazienti era sieropositivo, il 41% era sieronegativo e il 14% era classificato come altro a causa di uno stato sierologico non ben definito o sconosciuto.

Come ipotizzato, i pazienti nello studio erano costituiti da due diverse popolazioni: quelle che avevano già prodotto una risposta immunitaria efficace e quelle la cui risposta immunitaria non era ancora adeguata.
Queste popolazioni potrebbero essere identificate sierologicamente dalla presenza ( sieropositiva ) o dall'assenza ( sieronegativa ) di anticorpi anti-SARS-CoV-2 e/o da elevate cariche virali al basale.
Lo stato sierologico era altamente correlato con la carica virale al basale ( p inferiore di 0,0001 ).
I pazienti sieropositivi avevano livelli di virus molto più bassi al basale e hanno rapidamente raggiunto cariche virali che si avvicinavano ai livelli più bassi quantificabili ( LLQ ), anche senza trattamento.
Al contrario, i pazienti sieronegativi avevano livelli virali sostanzialmente più alti al basale e hanno eliminato il virus più lentamente in assenza di trattamento.
Lo stato sierologico al basale prediceva anche quanto rapidamente i pazienti avessero attenuato i sintomi clinici del COVID-19.
Nei pazienti non-trattati ( placebo ), i pazienti sieropositivi hanno avuto un tempo mediano di attenuazione dei sintomi di 7 giorni, rispetto ai pazienti sieronegativi con un tempo mediano di attenuazione dei sintomi di 13 giorni.

REGN-COV2 ha ridotto rapidamente la carica virale fino al giorno 7 nei pazienti sieronegativi ( endpoint virologico chiave ).
La variazione media ponderata nel tempo della carica virale nasofaringea dal basale fino al giorno 7 nel gruppo sieronegativo è stata una riduzione maggiore di 0.60 log10 copie/mL ( p = 0.03 ) nei pazienti trattati con dosi elevate e una riduzione maggiore di 0.51 log10 copie/mL ( p = 0.06 ) nei pazienti trattati con una dose bassa, rispetto al placebo.

Nella popolazione generale, c'è stata una riduzione maggiore di 0.51 log10 copie/mL ( p = 0.0049 ) nei pazienti trattati con dosi elevate e una riduzione maggiore di 0.23 log10 copie/mL ( p = 0.20 ) nei pazienti trattati con una dose bassa, rispetto al placebo.

I pazienti con livelli virali al basale più elevati hanno presentato riduzioni della carica virale corrispondentemente maggiori al giorno 7 con il trattamento con REGN-COV2.
La riduzione media log10 copie/mL della carica virale rispetto al placebo è stata la seguente: carica virale superiore a 10(5) copie/mL: riduzione di circa il 50-60% rispetto al placebo; carica virale superiore a 10(6) copie/mL: riduzione di circa il 95% rispetto al placebo; carica virale superiore a 10(7) copie/mL: riduzione di circa il 99% rispetto al placebo.

Anche i pazienti che erano sieronegativi e/o avevano livelli virali al basale in crescita hanno presentato maggiori benefici in termini di attenuazione dei sintomi.
Tra i pazienti sieronegativi, il tempo mediano alla riduzione dei sintomi ( definito come sintomi che diventano lievi o assenti ) è stato di 13 giorni con placebo, 8 giorni con dosi elevate ( p = 0.22 ) e 6 giorni con dosi basse ( p = 0.09 ).
E' stata osservata una correlazione tra i pazienti con carica virale in incremento al basale e il corrispondente beneficio nel tempo necessario alla riduzione dei sintomi.

Entrambe le dosi sono risultate ben tollerate. Sono state osservate reazioni all'infusione in 4 pazienti ( 2 trattati con placebo e 2 con REGN-COV2 ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 2 pazienti trattati con placebo, in 1 paziente a basso dosaggio e in nessun paziente ad alto dosaggio.
Non ci sono stati morti nel corso dello studio.

Tra i primi 275 pazienti presi in esame, circa il 56% era ispanico, il 13% era afroamericano; il 64% presentava uno o più fattori di rischio per la forma grave di COVID-19, tra cui l'obesità ( più del 40% ).
In media, i pazienti avevano 44 anni di età.
Il 49% dei partecipanti era di sesso maschile e il 51% era di sesso femminile. ( Xagena2020 )

Source: Regeneron Pharmaceuticals, 2020

Inf2020 Med2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...