Lo stato degli autoanticorpi anti-AQP4 e anti-MOG predice l'esito della neurite ottica ricorrente


È stato determinato il sierostato di immunoglobulina G ( IgG ) di acquaporina-4 ( AQP4 ) e della glicoproteina oligodendrocitaria mielinica ( MOG ) e gli esiti visivi nei pazienti con neurite ottica ricorrente ( rON ) in cerca di trattamento.

Uno studio di coorte trasversale ha identificato i pazienti mediante l'indice diagnostico computerizzato della Mayo Clinic tra il 2000 e il 2017.
I 246 pazienti eleggibili soddisfacevano i seguenti criteri: erano inizialmente in cerca di un trattamento per almeno 2 episodi consecutivi di neurite ottica e avevano campioni di siero disponibili per il test.

Il siero è stato testato per lo stato di IgG di acquaporina-4 e IgG1 di MOG utilizzando un test citometrico a flusso convalidato in sede utilizzando cellule HEK293 vere trasfettate con acquaporina-4 M1 o MOG a lunghezza intera.

Le principali misure di esito erano il sierostato di IgG di acquaporina-4 e IgG1 di MOG, le caratteristiche cliniche e gli esiti visivi.

Tra 246 pazienti con neurite ottica ricorrente alla presentazione, autoanticorpi gliali sono stati rilevati nel 32% ( IgG di acquaporina-4, 19% IgG di MOG, 13% ); 186 pazienti avevano solo neurite ottica ricorrente e 60 pazienti avevano neurite ottica ricorrente con successivi attacchi infiammatori demielinizzanti aggiuntivi ( gruppo rON-plus ).

La coorte con solo rON comprendeva quanto segue: doppia sieronegatività ( idiopatica ), 110 pazienti ( 59% ); MOG IgG1 positivo, 27 pazienti ( 15%, 4 con neuropatia ottica infiammatoria recidivante cronica ); sclerosi multipla, 25 pazienti ( 13% ); acquaporina-4 IgG positivo, 24 pazienti ( 13% ).

La coorte rON-plus comprendeva quanto segue: acquaporina-4 IgG positivo, 23 pazienti ( 38% ); sclerosi multipla, 22 pazienti ( 37% ); doppia sieronegatività, 11 pazienti ( 18% ); MOG IgG1 positivo, 4 pazienti ( 7% ).
Il tasso di recidive annualizzato per il gruppo con solo neurite ottica ricorrente è stato di 1.2 per i pazienti positivi a IgG1 MOG, 0.7 per i pazienti doppi sieronegativi, 0.6 per i pazienti positivi per acquaporina-4 IgG e 0.4 per i pazienti con sclerosi multipla ( P=0.005 ).

L'acuità visiva mediana dei pazienti con il peggiore attacco con solo neurite ottica ricorrente al nadir è stata movimenti della mano nei pazienti positivi per acquaporina-4 IgG, conteggio delle dita e movimenti delle mani nei pazienti MOG IgG1-positivi, 20/800 nei pazienti idiopatici, e 20/100 nei pazienti con sclerosi multipla ( P=0.02 ).

L'acuità visiva mediana all'ultimo follow-up per gli occhi affetti della coorte solo neurite ottica ricorrente era il conteggio delle dita per i pazienti positivi per acquaporina-4 IgG, 20/40 per i pazienti idiopatici, 20/25 per i pazienti con sclerosi multipla e MOG IgG1-positivi ( P=0.006 ).

A 5 anni dall'esordio della neurite ottica, il 59% dei pazienti acquaporina-4 IgG-positivi, il 22% dei pazienti idiopatici, il 12% dei pazienti MOG IgG1-positivi e l'8% dei pazienti con sclerosi multipla sono stati valutati con grave perdita della vista.

In conclusione, gli autoanticorpi gliali ( MOG IgG1 o acquaporina-4 IgG ) si trovano in un terzo di tutti i pazienti con neurite ottica ricorrente.
La sieropositività ad aquaporina-4 IgG prevede un risultato visivo peggiore rispetto alla sieropositività a MOG IgG1, alla doppia sieronegatività o alla diagnosi di sclerosi multipla
La glicoproteina oligodendrocitaria mielinica della mielina IgG1 è associata a una maggiore percentuale di recidive ma a migliori esiti visivi. ( Xagena2018 )

Jitprapaikulsan J et al, Ophtalmology 2018; 125: 1628-1637

Oftalm2018 Neuro2018



Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( MIS-C ) è una rara ma grave complicanza dell'infezione da SARS-CoV-2. È stato...


La miopatia associata agli anticorpi anti-idrossi-metil-glutaril-coenzima A reduttasi ( HMGCR ) è stata riconosciuta come una nuova forma di miopatia...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...