REGN-COV2, un cocktail di anticorpi neutralizzanti per il trattamento dei pazienti ambulatoriali con COVID-19


Dati recenti suggeriscono che le complicanze e la morte per malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) possono essere correlate a cariche virali elevate.

In uno studio di fase 1-3 in corso, in doppio cieco, che ha coinvolto pazienti non-ospedalizzati con COVID-19, sono stati studiati due anticorpi monoclonali neutralizzanti completamente umani contro la proteina spike del coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ), causa della sindrome respiratoria acuta grave, utilizzata in un cocktail combinato ( REGN-COV2 ) per ridurre il rischio di insorgenza di virus mutanti resistenti al trattamento.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo, 2.4 g di REGN-COV2 o 8.0 g di REGN-COV2 e sono stati caratterizzati prospetticamente al basale per la risposta immunitaria endogena contro SARS-CoV-2 ( siero anticorpo-positivo o siero anticorpo-negativo ).

Gli endpoint chiave hanno incluso la variazione media ponderata nel tempo della carica virale dal basale ( giorno 1 ) fino al giorno 7 e la percentuale di pazienti con almeno una visita medica correlata al COVID-19 fino al giorno 29.

Sono riportati i dati di 275 pazienti. La differenza media dei minimi quadrati ( gruppi di dose REGN-COV2 combinati rispetto al gruppo placebo ) nella variazione media ponderata nel tempo della carica virale dal giorno 1 al giorno 7 è stata di -0.56 log 10 copie per millilitro tra i pazienti con siero anticorpo-negativo al basale e −0.41 log 10 copie per millilitro nella popolazione complessiva dello studio.

Nella popolazione complessiva dello studio, il 6% dei pazienti nel gruppo placebo e il 3% dei pazienti nei gruppi di dose REGN-COV2 combinata ha riportato almeno una visita assistita da un medico; tra i pazienti che erano negativi agli anticorpi sierici al basale, le percentuali corrispondenti sono state del 15% e del 6% ( differenza, -9 punti percentuali ).

Le percentuali di pazienti con reazioni di ipersensibilità, reazioni correlate all'infusione e altri eventi avversi sono state simili nei gruppi di dose REGN-COV2 combinati e nel gruppo placebo.

In questa analisi ad interim, il cocktail di anticorpi REGN-COV2 ha ridotto la carica virale, con un effetto maggiore nei pazienti la cui risposta immunitaria non era ancora iniziata o che avevano un'elevata carica virale al basale.
Gli esiti di sicurezza sono stati simili nei gruppi di dosaggio REGN-COV2 combinati e nel gruppo placebo. ( Xagena2021 )

Weinreich DM et al, N Engl J Med 2021; 384: 238-251

Inf2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...