Stato degli anticorpi e incidenza dell'infezione da SARS-CoV-2 negli operatori sanitari


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non ben definita.

È stata studiata l'incidenza dell'infezione da SARS-CoV-2 confermata dalla reazione a catena della polimerasi ( PCR ) negli operatori sanitari sieropositivi e sieronegativi che frequentavano i test del personale asintomatico e sintomatico presso gli Oxford University Hospitals nel Regno Unito.

Lo stato anticorpale al basale è stato determinato mediante test anti-spike ( analisi primaria ) e saggio per le IgG anti-nucleocapside e i membri del personale sono stati seguiti fino a 31 settimane.

È stata stimata l'incidenza relativa dei risultati dei test positivi alla PCR e della nuova infezione sintomatica in base allo stato degli anticorpi, aggiustando per età, sesso riferito dai partecipanti e cambiamenti nell'incidenza nel tempo.

In totale 12.541 operatori sanitari hanno partecipato e hanno misurato le IgG anti-spike; 11.364 sono stati seguiti dopo risultati anticorpali negativi e 1.265 dopo risultati positivi, inclusi 88 in cui si è verificata la sieroconversione durante il follow-up.

In totale 223 operatori sanitari anti-spike-sieronegativi hanno avuto un test PCR positivo ( 1.09 per 10.000 giorni a rischio ), 100 durante lo screening mentre erano asintomatici e 123 mentre erano sintomatici; 2 operatori sanitari anti-spike-sieropositivi hanno avuto test PCR positivo ( 0.13 per 10.000 giorni a rischio ) ed entrambi erano asintomatici durante il test ( rapporto del tasso di incidenza aggiustato, 0.11; P=0.002 ).

Non sono state riscontrate infezioni sintomatiche nei lavoratori con anticorpi anti-spike.
I rapporti di incidenza sono risultati simili quando il saggio per le IgG anti-nucleocapside è stato utilizzato da solo o in combinazione con il saggio per le IgG anti-spike per determinare lo stato basale.

La presenza di anticorpi IgG anti-spike o anti-nucleocapside è stata associata a un rischio sostanzialmente ridotto di reinfezione da virus SARS-CoV-2 nei successivi 6 mesi. ( Xagena2021 )

Lumley SF et al, N Engl J Med 2021; 384: 533-540

Inf2021



Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...