Sviluppo di anticorpi dopo la vaccinazione contro il COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni nei Paesi Bassi


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi.
È stato studiato l'effetto di diversi farmaci immunosoppressori sullo sviluppo di anticorpi dopo la vaccinazione COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni.

In uno studio, sono stati utilizzati campioni di siero raccolti da pazienti con malattie autoimmuni e controlli sani che sono stati inclusi in due studi prospettici di coorte in corso nei Paesi Bassi.
I partecipanti potevano essere inclusi in questo sottostudio se erano stati vaccinati con qualsiasi vaccino COVID-19 tramite il Programma nazionale olandese di vaccinazione, che all'epoca stava dando la priorità alla vaccinazione degli individui più anziani.

I campioni sono stati raccolti dopo la prima o la seconda vaccinazione contro COVID-19. Non sono stati raccolti campioni seriali.
Sono stati misurati i tassi di sieroconversione e i titoli anticorpali IgG contro il dominio di legame al recettore della proteina spike di SARS-CoV-2.
È stata esaminata l'associazione tra l'uso di farmaci al momento della vaccinazione e almeno fino al campionamento, i tassi di sieroconversione e i titoli anticorpali IgG.

Tra il 26 aprile 2020 e il 1 marzo 2021, sono stati reclutati 3.682 pazienti con malattie reumatiche, 546 pazienti con sclerosi multipla e 1.147 controlli sani per partecipare ai due studi di coorte prospettici.
I campioni sono stati raccolti da pazienti con malattie autoimmuni ( n=632 ) e controlli sani ( n=289 ) dopo la prima ( 507 pazienti e 239 controlli ) o la seconda ( 125 pazienti e 50 controlli ) vaccinazione contro COVID-19.

L'età media sia dei pazienti che dei controlli era di 63 anni e 423 su 632 pazienti ( 67% ) con malattie autoimmuni e 195 su 289 controlli ( 67% ) erano donne.
Tra i partecipanti senza precedente infezione da SARS-CoV-2, la sieroconversione dopo la prima vaccinazione è stata significativamente più bassa nei pazienti rispetto ai controlli ( 210 su 432 pazienti, 49%, vs 154 su 210 controlli, 73%; odds ratio aggiustato, aOR=0.33; P minore di 0.0001 ), principalmente a causa della minore sieroconversione nei pazienti trattati con Metotrexato o terapie anti-CD20.

Dopo la seconda vaccinazione, la sieroconversione ha superato l'80% in tutti i sottogruppi di pazienti trattati, ad eccezione di quelli trattati con terapie anti-CD20 ( 3 su 7 pazienti, 43% ).

Non è stata osservata alcuna differenza nella sieroconversione e nei titoli anticorpali IgG tra i pazienti con una precedente infezione da SARS-CoV-2 che avevano ricevuto una singola dose di vaccino ( 72 su 75 pazienti, 96%, titolo IgG mediano 127 AU/ml ) e pazienti senza una precedente infezione da SARS-CoV-2 che avevano ricevuto due dosi di vaccino ( 97 su 106 pazienti, 92%, titolo IgG mediano 49 AU/ml ).

I dati hanno indicato che la sieroconversione dopo una prima vaccinazione contro COVID-19 è ritardata nei pazienti più anziani trattati con farmaci immunosoppressori specifici, ma che una seconda o ripetuta esposizione a SARS-CoV-2, tramite infezione o vaccinazione, migliora l'immunità umorale nei pazienti trattati con farmaci immunosoppressori.

Pertanto, la seconda somministrazione ritardata dei vaccini COVID-19 dovrebbe essere evitata nei pazienti che ricevono farmaci immunosoppressori.
Devono essere condotti studi futuri che includano pazienti più giovani per confermare la generalizzabilità dei risultati. ( Xagena2021 )

Boekel L et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 778-788

Inf2021 Reuma2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...