Trattamento ed esiti nella miopatia necrotizzante immuno-mediata associata ad anticorpi anti-HMGCR


La miopatia associata agli anticorpi anti-idrossi-metil-glutaril-coenzima A reduttasi ( HMGCR ) è stata riconosciuta come una nuova forma di miopatia necrotizzante immuno-mediata ( IMNM ) dieci anni fa.
A causa della rarità della malattia, sono disponibili solo dati limitati sulle manifestazioni cliniche e sugli esiti terapeutici.

E' stata analizzata in modo retrospettivo una coorte monocentrica di pazienti con miopatia necrotizzante immuno-mediata associata a HMGCR trattati presso l'University Medical Center di Göttingen ( Germania ).
Sono stati analizzati i dati clinici, di laboratorio e bioptici, nonché i risultati del trattamento. Inoltre, è stata eseguita una ricerca bibliografica.

Sono stati identificati 9 pazienti; 5 erano femmine. L'età media era di 68 anni. Sei erano pazienti esposti alle statine e più anziani dei pazienti naive-alle-statine ( 71 versus 51 anni ).
Tutti i pazienti presentavano debolezza muscolare, e 7 soffrivano di mialgie. La forza muscolare ( punteggio somma MRC [ Medical Research Council ] ) era 53/65 al basale ed è aumentata a 63/65 con la terapia.
I livelli di creatin-chinasi ( CK ) sono diminuiti da un livello mediano di 12837 a 624 U/L.
Tutti i pazienti hanno ricevuto glucocorticoidi e almeno una terapia immunosoppressiva.

La revisione della letteratura ha identificato 26 studi per complessivi 691 pazienti. Il 57.9% erano donne, il 61.3% era esposto a statine.
Il 95.2% presentava debolezza, il 39.1% mialgia. La disfagia ha colpito il 28.8%.
L'84.9% aveva ricevuto glucocorticoidi e una mediana di 1.5 immunosoppressori aggiuntivi.

Rispetto ai dati pubblicati, i pazienti studiati dai ricercatori tedeschi avevano valori basali di creatin-chinasi più elevati ( 12837 vs 6951, p inferiore a 0.001 ).
La terapia era più frequentemente a base di Azatioprina e immunoglobuline per via endovenosa ( p inferiore a 0.001 ), mentre il Metotrexato e Rituximab sono stati meno impiegati ( p inferiore a 0.001 ).

In conclusione, la miopatia necrotizzante immuno-mediata, associata a HMGCR, è un raro sottogruppo di miosite.
Con il trattamento sistemico, i pazienti di solito ottengono una remissione parziale o completa.
Il trattamento ottimale non è stato stabilito, ma i glucocorticoidi, l'Azatioprina e il Metotrexato sono generalmente efficaci con o senza immunoglobuline per via endovenosa. ( Xagena2022 )

Rademacher JG et al, Clin Exp Rheumatol 2022; 40: 320-328

Endo2022 Neuro2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( MIS-C ) è una rara ma grave complicanza dell'infezione da SARS-CoV-2. È stato...


Le donne positive agli anticorpi contro la perossidasi tiroidea ( TPO-Ab ) hanno un rischio maggiore di aborti ricorrenti. Le...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...