Valutazione degli anticorpi contro SARS-CoV-2 nel sangue cordonale materno e neonatale


Gli anticorpi di origine materna sono un elemento chiave dell'immunità neonatale. Comprendere le dinamiche delle risposte anticorpali materne all'infezione da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ) durante la gravidanza e il successivo trasferimento di anticorpi transplacentari può fornire elementi per la gestione neonatale e le strategie di vaccinazione materna.

È stata valutata l'associazione tra le concentrazioni di anticorpi specifici per SARS-CoV-2 materni e neonatali in uno studio di coorte che ha avuto luogo presso il Pennsylvania Hospital di Filadelfia, in Pennsylvania ( Stati Uniti ).
In totale 1.714 donne hanno partorito nel sito dello studio tra il 9 aprile e l'8 agosto 2020.
I sieri di sangue materno e cordonale erano disponibili per la misurazione degli anticorpi per 1.471 diadi madre - neonato.

Gli anticorpi IgG e IgM per il dominio legante il recettore della proteina spike SARS-CoV-2 sono stati misurati mediante test di immunoassorbimento enzimatico.
Le concentrazioni anticorpali e il tasso di trasferimento transplacentare sono stati analizzati in combinazione con dati demografici e clinici.

La coorte dello studio era composta da 1.714 donne partorienti, con un'età mediana di 32 anni, di cui 450 ( 26.3% ) identificate come nere / non-ispaniche, 879 ( 51.3% ) come bianche / non-ispaniche, 203 ( 11.8% ) come ispaniche, 126 ( 7.3% ) come asiatiche e 56 ( 3.3% ) come di altra etnia.

Tra 1.471 diadi madre - neonato per le quali erano disponibili sieri abbinati, anticorpi IgG e/o IgM SARS-CoV-2 sono stati rilevati in 83 donne su 1.471 ( 6% ) al momento del parto, e le IgG sono state rilevate nel sangue cordonale di 72 su 83 neonati ( 87% ).
Le IgM non sono state rilevate in nessun campione di sangue cordonale e gli anticorpi non sono stati rilevati in nessun bambino nato da madre sieronegativa.

In tutto 11 bambini nati da madri sieropositive erano sieronegativi: 5 su 11 ( 45% ) sono nati da madri con solo anticorpi IgM, e 6 su 11 ( 55% ) sono nati da madri con concentrazioni di IgG significativamente inferiori rispetto a quelle riscontrate tra madri di bambini sieropositivi.
Le concentrazioni di IgG nel sangue cordonale sono risultate correlate positivamente con le concentrazioni di IgG materne ( r=0.886; P minore di 0.001 ).

Il tasso di trasferimento placentare superiore a 1.0 è stato osservato tra le donne con infezioni asintomatiche da SARS-CoV-2 e quelle con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) lieve, moderata e grave.
Il tasso di trasferimento è aumentato con l'aumentare del tempo tra l'inizio dell'infezione materna e il parto.

In questo studio di coorte, gli anticorpi IgG materni anti-SARS-CoV-2 sono stati trasferiti attraverso la placenta dopo un'infezione asintomatica e sintomatica nel corso della gravidanza.

Le concentrazioni di anticorpi nel sangue cordonale sono state correlate con le concentrazioni di anticorpi materni e con la durata tra l'inizio dell'infezione e il parto.
I risultati hanno dimostrato il potenziale degli anticorpi specifici anti-SARS-CoV-2 di origine materna nel fornire protezione neonatale da COVID-19. ( Xagena2021 )

Flannery DD et al, JAMA Pediatr 2021; 175: 594-600

Inf2021 Pedia2021 Gyne2021



Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...


Il cardine del controllo della pandemia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2. In...