Risedronato, Raloxifene e Alendronato: efficacia a confronto


L’osteoporosi è una condizione caratterizzata dalla riduzione della massa ossea e dalla degenerazione del tessuto osseo tale da aumentare il rischio di fratture vertebrali e non.
Ad oggi, le informazioni disponibili che confrontano l’efficacia dei farmaci impiegati in questa condizione sono limitate.

È stato condotto uno studio per valutare l’efficacia relativa di questi farmaci nel prevenire il rischio di fratture non-vertebrali.

Gli Autori hanno osservato una coorte di pazienti dai 65 anni di età, arruolati nell’ambito di due vasti programmi di assistenza farmaceutica statunitense.

I pazienti considerati eleggibili non dovevano aver assunto farmaci come bifosfonati, Calcitonina nasale e Raloxifene nell’anno precedente l’inizio del periodo di valutazione dello studio ( aprile 2000-giugno 2005 ).

Sono state osservate 1051 fratture non vertebrali nei 12 mesi successivi all’inizio del trattamento ( 2,62 fratture per 100 persone-anno ).
Non sono state evidenziate differenze significative nel rischio di fratture non-vertebrali tra Risedronato ( hazard ratio, HR=1,01 ), Raloxifene ( HR=1,18 ) e Alendronato.

Tuttavia, nei pazienti con precedenti storie di fratture, l’assunzione di Raloxifene rispetto all’Alendronato ha evidenziato un numero maggiore di fratture non-vertebrali nei 12 mesi ( HR=1,78 ).

I pazienti trattati con Calcitonina hanno mostrato un rischio maggiore di fratture non-vertebrali rispetto ai pazienti trattati con Alendronato ( HR=1,40 ).

Conclusioni. Le differenze nel prevenire il rischio di fratture tra Risedronato, Raloxifene e Alendronato sono esigue. Il rischio è maggiore nei pazienti che assumono Calcitonina nasale rispetto all’Alendronato.
Sono necessari ulteriori studi che mettano in relazione i possibili confondenti. Alcuni limiti sono stati evidenziati dall’Autore dell’editoriale che ha accompagnato lo studio: mancanza di randomizzazione, non conoscenza dei fattori che hanno spinto i medici ad usare l’uno o l’altro farmaco, il gruppo di pazienti trattati con Calcitonina aveva maggiori comorbilità, ulteriori farmaci assunti e recenti ospedalizzazioni e in un ristretto numero di pazienti trattati con Raloxifene o Calcitonina era stata già diagnosticata una condizione osteoporotica. Tutti questi fattori possono pesare sul rischio di fratture, indipendentemente dall’efficacia del farmaco.

Cadarette SM et al, Ann Int Med 2008; 148: 637-46; Malozowski S, Ann Int Med 2008; 148: 702-3 ( editorial )

Fonte: Bollettino di informazione sui farmaci, 2008


Endo2008 Farma2008


Indietro

Altri articoli

Romosozumab è un anticorpo monoclonale che lega e inibisce la sclerostina, aumenta la formazione ossea e diminuisce il riassorbimento osseo. Sono...


Denosumab ( Prolia ) ha dimostrato di ridurre le nuove fratture vertebrali, non-vertebrali e dell'anca nelle donne in postmenopausa con...


L’osso corticale, l'elemento dominante dello scheletro umano per volume, svolge un ruolo chiave nella protezione delle ossa dalle fratture. Un...


L'osteoporosi con conseguente fratture ossee è una complicanza nei pazienti con cirrosi biliare primaria. Alendronato una volta alla settimana migliora...


Per le donne con osteoporosi, il tasso di fratture vertebrali a livelli adiacenti è relativamente basso, con ridotta probabilità con...


La terapia di deprivazione androgenica ( ADT ) induce la perdita di densità minerale ossea ( BMD ) e aumenta...


Uno studio osservazionale ha mostrato che dopo 2 anni, sia Risedronato ( Actonel ) sia Alendronato ( Fosamax ) hanno...


Merck, nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, ha annunciato i risultati di uno studio...


Alendronato ( Fosamax ) è un potente bifosfonato con una prolungata durata d’azione. Recenti report hanno trovato che nei...


I bifosfonati diminuiscono il riassorbimento osseo e sono comunemente utilizzati per trattare o prevenire l’osteoporosi.Tuttavia, l’effetto dei bifosfonati sulle loro...