Tumore al seno: effetto dell’indice di massa corporea sulle recidive nelle donne trattate con Tamoxifene e Anastrozolo


La terza generazione di inibitori dell'aromatasi è stata ampiamente utilizzata in donne in postmenopausa per il trattamento adiuvante del tumore del seno positivo per il recettore degli ormoni ( HR+ ).

Poiché gli inibitori dell'aromatasi agiscono, inibendo la conversione degli androgeni in estrogeni nel tessuto adiposo, è stato ipotizzato che Anastrozolo ( Arimidex ) potrebbe essere più efficace nelle donne con un alto indice di massa corporea.

Lo studio ATAC ( Arimidex, Tamoxifen Alone or in Combination ) era uno studio in doppio cieco e randomizzato nel quale donne in post-menopausa con tumore alla mammella in fase iniziale, sono state assegnate in maniera casuale a ricevere giornalmente Anastrozolo per via orale ( 1 mg ) da solo, Tamoxifene ( 20 mg ) da solo o la combinazione con modalità in doppio cieco.

Le analisi si sono basate sul follow-up mediano di 100 mesi su donne con carcinomi mammari positivi per il recettore degli ormoni ( positivi per l’estrogeno [ ER ] e/o il progesterone [ PgR ] ).

Nello studio è stato valutato l'impatto dell'indice di massa corporea ( BMI ) sulla ricorrenza, e il beneficio relativo di Anastrozolo versus Tamoxifene in accordo con il valore basale dell’indice BMI.

In generale, donne con un alto indice di massa corporea (superiore a 35 kg/m2 ) al basale hanno mostrato più ricorrenze rispetto alle donne con un basso indice BMI ( inferiore a 23 kg/m2; hazard ratio [ HR ] aggiustato, 1.39; P per eterogeneità: 0.03 ) e un numero significativamente maggiore di ricorrenze a distanza ( HR aggiustato, 1.46; P per eterogeneità: 0.01 ).

In generale, il beneficio relativo di Anastrozolo versus Tamoxifene non è risultato significativamente migliore nelle donne magre rispetto a quelle in sovrappeso.

In conclusione, questi risultati confermano la prognosi meno favorevole per le donne obese con carcinoma mammario allo stadio iniziale; inoltre i tassi di ricorrenza sono risultati più bassi per Anastrozolo che per Tamoxifene per tutti i quintili di indice di massa corporea.
Questi risultati suggeriscono che l'efficacia relativa di Anastrozolo rispetto a Tamoxifene è superiore nelle donne magre in postmenopausa; dosi più alte o inibitori più completi potrebbero essere più efficaci nelle donne obese, ma ciò richiede una conferma indipendente. ( Xagena2010 )

Sestak I et al, J Clin Oncol 2010; 28: 3411-3415



Farma2010 Gyne2010 Onco2010


Indietro

Altri articoli

Il cancro dell'endometrio è spesso ormono-dipendente e viene trattato con inibitori dell'aromatasi. La deregolazione del percorso PI3K-AKT-mTOR osservata nel tumore...


Due grandi studi clinici hanno mostrato un tasso ridotto di sviluppo del tumore mammario in donne ad alto rischio nei...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...


Lo studio FACE ( Letrozole, Femara, Versus Anastrozole Clinical Evaluation ) ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Letrozolo adiuvante...


Il carcinoma duttale in situ è attualmente gestito con escissione, radioterapia e terapia ormonale adiuvante, di solito Tamoxifene. Si è...


Lo studio NSABP B-35 ha confrontato 5 anni di trattamento con Anastrozolo ( Arimidex ) rispetto a Tamoxifene nella riduzione...


Gli inibitori dell'aromatasi di terza generazione sono più efficaci del Tamoxifene per prevenire le recidive nelle donne in postmenopausa con...


Dati preclinici sostengono un ruolo chiave per il percorso PI3K nel cancro della mammella positivo al recettore degli estrogeni (...


La sindrome del tunnel carpale si verifica quando il nervo mediano è compresso al polso nel tunnel carpale. È stato...


La somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) in combinazione con terapia endocrina adiuvante è risultata associata a un significativo...