Tumore alla mammella: nessuna differenza sulla sopravvivenza tra Exemestano e Anastrozolo


Una meta-analisi ha evidenziato che l'uso degli inibitori dell'aromatasi aumenta il rischio di malattie cardiache del 26%, rispetto a Tamoxifene ( Nolvadex ), nelle donne con tumore mammario e in postmenopausa.

L’impiego degli inibitori dell'aromatasi è risultato associato a un aumento della probabilità di sviluppare una malattia cardiovascolare ( odds ratio, OR=1.26 ) e di andare incontro a fratture ossee ( OR=1.48 ). Di contro, l’uso di questi farmaci era correlato a una riduzione della probabilità di sviluppare trombosi venosa ( OR=0.55 ) e di tumore dell'endometrio ( OR=0.34).

In termini assoluti, il rischio di eventi cardiovascolari è risultato basso per entrambi i farmaci ( 4.2% per gli inibitori dell'aromatasi e 3.4% per il Tamoxifene ).

La meta-analisi ha riguardato 7 studi clinici; dall'analisi è emerso l’NNT ( numero di pazienti da trattare ) per lo sviluppo di malattia cardiovascolare ( infarto miocardico, angina pectoris e scompenso cardiaco ) era di 143 con gli inibitori dell'aromatasi.
L’NNT per il rischio di trombosi venosa è stato pari a 67, mentre l’NNT per tumore dell'endometrio aveva valore di 200.

E’ stato anche analizzato il passaggio da Tamoxifene a un inibitore dell'aromatasi.
Le donne che sono passate agli inibitori dell'aromatasi dopo aver iniziato il trattamento con Tamoxifene, hanno presentato un maggior rischio di mortalità per cause non-correlate al carcinoma mammario, rispetto a quelle che hanno iniziato il trattamento con gli inibitori dell'aromatasi.

Fonte: San Antonio Breast Cancer Symposium ( SABCS ), 2010

Farma2010 Gyne2010 Onco2010


Indietro

Altri articoli

Il cancro dell'endometrio è spesso ormono-dipendente e viene trattato con inibitori dell'aromatasi. La deregolazione del percorso PI3K-AKT-mTOR osservata nel tumore...


Due grandi studi clinici hanno mostrato un tasso ridotto di sviluppo del tumore mammario in donne ad alto rischio nei...


Vi è incertezza sul programma ottimale di trattamento adiuvante del carcinoma mammario con inibitori dell'aromatasi e nessuno studio ha confrontato direttamente i tre inibitori dell'aromatasi Anastrozolo ( Arimidex...


Lo studio FACE ( Letrozole, Femara, Versus Anastrozole Clinical Evaluation ) ha confrontato l'efficacia e la sicurezza di Letrozolo adiuvante...


Il carcinoma duttale in situ è attualmente gestito con escissione, radioterapia e terapia ormonale adiuvante, di solito Tamoxifene. Si è...


Lo studio NSABP B-35 ha confrontato 5 anni di trattamento con Anastrozolo ( Arimidex ) rispetto a Tamoxifene nella riduzione...


Gli inibitori dell'aromatasi di terza generazione sono più efficaci del Tamoxifene per prevenire le recidive nelle donne in postmenopausa con...


Dati preclinici sostengono un ruolo chiave per il percorso PI3K nel cancro della mammella positivo al recettore degli estrogeni (...


La sindrome del tunnel carpale si verifica quando il nervo mediano è compresso al polso nel tunnel carpale. È stato...


La somministrazione di Acido Zoledronico ( Zometa ) in combinazione con terapia endocrina adiuvante è risultata associata a un significativo...