Prevenzione delle recidive di sanguinamento dell'ulcera nei pazienti ad alto rischio: efficacia dell'associazione Celecoxib ed Esomeprazolo


Le lineeguida riguardanti il management ( gestione ) del dolore raccomandano che i pazienti a rischio di ulcera ricevano un inibitore COX-2 ( cicloossigenasi 2 ) o un farmaco antinfiammatorio non steroideo ( FANS ) associato ad un inibitore della pompa protonica.

Uno studio ha verificato l'ipotesi che nei pazienti con precedente sanguinamento dell'ulcera, indotto dai FANS non selettivi, il trattamento combinato con l'inibitore COX-2, Celecoxib ( Celebrex ), e l'inibitore della pompa protonica, Esomeprazolo ( Nexium ), possa presentare dei vantaggi rispetto al solo Celecoxib nella prevenzione delle recidive di sanguinamento dell'ulcera.

Hanno preso parte allo studio 441 pazienti consecutivi, che stavano assumendo FANS non selettivi per l'artrite, ricoverati in ospedale per sanguinamento del tratto gastrointestinale superiore.

I pazienti sono stati arruolati dopo che la loro ulcera era guarita ed un test per la ricerca dell'Helicobacter pylori è risultato negativo.

Tutti i pazienti sono stati trattati con 200 mg di Celecoxib 2 volte die, 137 pazienti sono stati assegnati in modo random a ricevere 20mg di Esomeprazolo 2 volte die ( gruppo di trattamento combinato ), e 136 placebo ( gruppo controllo ), per 12 mesi.

L'endpoint primario era rappresentato da recidiva di sanguinamento dell'ulcera nel corso del trattamento o entro 1 mese dal termine della terapia.

Il trattamento di combinazione ( Celecoxib + Esomeprazolo ) è risultato più efficace rispetto al solo Celecoxib nella prevenzione del sanguinamento dell'ulcera nei pazienti ad alto rischio.
Al tredicesimo mese, l'incidenza cumulativa dell'endpoint primario è stata dello 0% nel gruppo Celecoxib ed Esomeprazolo e dell'8,9% nel gruppo controllo ( p=0,0004 ).
La sospensione del trattamento e l'incidenza di eventi avversi sono risultate simili nei 2 gruppi di trattamento.

Lo studio ha dimostrato che i pazienti ad alto rischio di recidive di sanguinamento dell'ulcera, che necessitano di analgesici antinfiammatori dovrebbero ricevere il trattamento di combinazione con un inibitore COX-2 ed un inibitore della pompa protonica. ( Xagena2007 )

Chan FK et al, Lancet 2007; 369:1621-1626


Gastro2007 Farma2007


Indietro

Altri articoli

Mancano dati di alta qualità per quanto riguarda l'efficacia del trattamento acido-soppressivo per il dolore toracico inspiegabile. Lo scopo di...


L’Autorità per il controllo dei farmaci inglesi MHRA ( Medicines and Healthcare products Regulatory Agency ) ha modificato le raccomandazioni...


I cambiamenti associati alla malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ) nell’istologia dell’esofago sono stati riportati principalmente dopo la terapia...


La malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ) è una condizione cronica che di solito richiede la terapia di mantenimento...


Il Clopidogrel ( Plavix ) è attivato dal citocromo P450 2C19 ( CYP2C19 ) che anche metabolizza gli inibitori della...


Il reflusso gastroesofageo è comune tra i pazienti asmatici ma spesso causa nessun sintomo o sintomi lievi.Non è noto se...


Un tema dibattuto riguarda il trattamento dei pazienti con sintomi tipici della malattia da reflusso gastroesofageo ( MRGE ), senza...


Ricercatori del Drug Safety Research Unit a Southampton in Gran Bretagna hanno compiuto un’analisi del profilo di sicurezza dell’inibitore della...


Il reflusso laringofaringeo è generalmente trattato con inibitori della pompa protonica. Ricercatori del Ludwig Maximilians University Munich, in Germania, hanno...


Uno studio randomizzato, in crossover, ha valutato l’effetto dell’Esomeprazolo ( Nexium ) e di un altro inibitore della pompa protonica,...