Terapia genica: effetti anticonvulsivanti ed antiepilettogeni del neuropeptide Y


Uno studio condotto dal Dipartimento di Neuroscienze dell’Istituto di Ricerca Farmacologica Mario Negri di Milano, in collaborazione con l’Anckland University in Nuova Zelanda e Innsbruck University in Austria, ha dimostrato che il trasferimento in un modello animale del gene che codifica per il neuropeptide Y può ridurre l’incidenza di crisi convulsive.

In modelli sperimentali il neuropeptide Y inibisce le crisi convulsive, e riduce l’eccitabilità nel tessuto epilettico umano.

Nell’ippocampo di alcuni ratti è stato iniettato il gene per il neuropeptide Y mediante un vettore adeno-associato.

Al 7° giorno l’espressione del gene del neuropeptide Y è risultata significativamente aumentata, raggiungendo la massima espressione dopo 2 settimane.

Il gene introdotto mediante terapia genica è rimasto attivo per 3 mesi.

Le crisi convulsive indotte si sono ridotte fino al 70%, e la loro insorgenza è stata ritardata.

Questo studio ha indicato che i recettori per il neuropeptide Y possono rappresentare un bersaglio per lo sviluppo di nuovi farmaci antiepilettici. ( Xagena2004 )


Richichi et al, J Neurosc 2004; 24: 3051 – 3059


Neuro2004


Indietro

Altri articoli

La scelta di farmaci per pazienti con stato epilettico refrattari al trattamento con benzodiazepine non è stata studiata a fondo. In...


Gli anticonvulsivanti di più vecchia generazione che inducono fortemente l’attività del sistema enzimatico citocromo P450 producono alterazioni metaboliche che possono...


Nel 2008, l’FDA ( Food and Drug Administration ) ha emesso un warning ( avvertenza ) nella scheda tecnica dei...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...


Gli studi clinici su pazienti con glioblastoma distinguono coorti trattate con anticonvulsivanti con effetto di induzione enzimatica.Tali anticonvulsivanti inducono gli...


Vi sono pochi dati sull'efficacia e gli effetti collaterali della terapia con farmaci antiepilettici dopo emorragia intracerebrale. Ricercatori della Northwestern...