Effetti opposti delle statine sul rischio di tubercolosi e di herpes zoster nei pazienti con diabete mellito: studio di coorte basato sulla popolazione


Rimane incerto se l'uso delle statine sia associato a rischio di tubercolosi e di herpes zoster nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.
Uno studio ha valutato gli effetti delle statine rispetto agli agenti ipolipemizzanti non-statinici sul rischio di queste malattie infettive nei pazienti diabetici.

Le persone inserite nel Taiwan National Health Insurance Research Database con diagnosi di diabete di tipo 2 nel periodo 2001-2013 sono state classificate in gruppi: statine, non-statine e senza farmaci ipolipemizzanti.
I partecipanti sono stati osservati per la tubercolosi incidente e l'herpes zoster dalla diagnosi del diabete fino al crossover del trattamento oppure dicembre 2013.

Su 240.782 anni-persona di osservazione, gli utilizzatori di statine ( n = 17.696 ) sono stati associati a un rischio di tubercolosi inferiore rispetto agli utilizzatori di farmaci non-statinici ( n = 5.327 ) e al gruppo senza farmaci ( n = 22.316 ) ( hazard ratio aggiustato [ aHR ]: 0.66; IC al 95%: 0.44-0.99 e aHR: 0.57; IC al 95%: 0.44-0.73 ).

Rispetto agli utilizzatori non-statinici, coloro che hanno fatto uso di statine hanno mostrato una associazione dose-dipendente con il rischio di tubercolosi ( utilizzatori di statine a bassa potenza, aHR: 0,692; IC al 95%: 0.455-1.053; utilizzatori ad alta potenza, aHR: 0.491; IC al 95%: 0.241-0.999 ).

I consumatori di statine presentavano un rischio maggiore di herpes zoster rispetto alle non-statine e al gruppo senza trattamento farmacologico ( aHR: 1.23; IC al 95%: 1.01-1.50 e aHR: 1.20; IC al 95%: 1.09-1.33 ).

I rischi di tubercolosi e di herpes zoster non sono risultati statisticamente diversi tra i consumatori di non-statine e il gruppo senza farmaci.

In conclusione, rispetto ai farmaci non-statinici, l'uso di statine è risultato specificamente associato a un ridotto rischio di tubercolosi ma a un rischio moderatamente aumentato di herpes zoster in questo studio di coorte. ( Xagena2019 )

Pan SW et al, Br J Clin Pharmacol 2019; Epub ahead of print

Endo2019 Inf2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Il DNA dell'herpesvirus umano 6B ( HHV-6B ) viene frequentemente rilevato nel liquido di lavaggio broncoalveolare ( BALF ) da...


L'herpes zoster, una frequente complicanza a seguito del trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ), è associato a...


I pazienti con lupus eritematoso sistemico ( SLE ) sono sensibili all'infezione da virus herpes simplex ( HSV ), che...


L'encefalite da herpes simplex può scatenare l'encefalite autoimmune che porta a peggioramento neurologico. Sono stati valutati la frequenza, i sintomi,...


La Commissione Europea ha approvato Shingrix per la prevenzione del fuoco di Sant'Antonio ( Herpes Zoster ) e della nevralgia...


Shingrix è un vaccino impiegato per proteggere gli adulti di età pari o superiore a 50 anni contro le eruzioni...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


Uno studio che ha coinvolto adulti di 50 anni di età o più anziani ( ZOE-50 ) ha mostrato che...


Gli studi epidemiologici dimostrano che le infezioni infantili, tra cui il virus della varicella zoster ( VZV ), sono associate...