Herpesvirus umano 6B e malattia del tratto respiratorio inferiore dopo trapianto di cellule ematopoietiche


Il DNA dell'herpesvirus umano 6B ( HHV-6B ) viene frequentemente rilevato nel liquido di lavaggio broncoalveolare ( BALF ) da soggetti immunocompromessi con malattia del tratto respiratorio inferiore.
Non è chiaro se HHV-6B sia un patogeno polmonare.

È stato testato il liquido di lavaggio broncoalveolare per il DNA di HHV-6B usando la reazione a catena della polimerasi ( PCR ) nei pazienti con trapianto di cellule ematopoietiche allogeniche ( HCT ), sottoposti a lavaggio broncoalveolare per la valutazione della malattia del tratto respiratorio inferiore dal 1992 al 2015.

È stata valutata l'associazione del liquido di lavaggio broncoalveolare HHV-6B+ con la mortalità generale, la morte per insufficienza respiratoria e l'effetto degli antivirali anti-HHV-6B su questi esiti.

È stata usata l'ibridazione in situ dell'RNA a catena ramificata per rilevare l'RNA messaggero di HHV-6 ( trascritti U41 e U57 ) nel tessuto polmonare.

È stato rilevato liquido di lavaggio broncoalveolare HHV-6B+ in 147 individui su 553 ( 27% ).
I soggetti con liquido HHV-6B+, con o senza co-patogeni, presentavano un rischio significativamente maggiore di mortalità generale ( hazard ratio aggiustato, aHR, 2.18 ) e morte per insufficienza respiratoria ( aHR, 2.50 ) rispetto ai soggetti con liquido HHV-6B-.

I soggetti con liquido di lavaggio broncoalveolare HHV-6B+ che hanno ricevuto antivirali entro 3 giorni pre-BAL presentavano una carica virale HHV-6B BAL mediana inferiore di circa 1 log10 , oltre a un minor rischio di mortalità complessiva ( aHR, 0.42 ), rispetto ai soggetti con liquido di lavaggio broncoalveolare HHV-6B+ non-trattati con antivirali.
È stata rilevata l'espressione genica intraparenchimale di HHV-6 mediante ibridazione in situ dell'RNA nel tessuto polmonare in tutti e tre i soggetti testati con liquido di lavaggio broncoalveolare HHV-6B+ e sufficiente conservazione dell'RNA tissutale.

Questi dati hanno fornito la prova che la rilevazione del virus HHV-6B nel liquido di lavaggio bronco-alveolare è associata a una maggiore mortalità nei pazienti con trapianto di cellule ematopoietiche allogeniche con malattia del tratto respiratorio inferiore.
L'evidenza definitiva del nesso causale richiederà uno studio randomizzato di prevenzione o trattamento. ( Xagena2019 )

Hill JA et al, J Clin Oncol 2019; 37: 2670-2681

Onco2019 Emo2019 Pneumo2019 Inf2019 Farma2019


Indietro

Altri articoli

Rimane incerto se l'uso delle statine sia associato a rischio di tubercolosi e di herpes zoster nei pazienti con diabete...


L'herpes zoster, una frequente complicanza a seguito del trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ), è associato a...


I pazienti con lupus eritematoso sistemico ( SLE ) sono sensibili all'infezione da virus herpes simplex ( HSV ), che...


L'encefalite da herpes simplex può scatenare l'encefalite autoimmune che porta a peggioramento neurologico. Sono stati valutati la frequenza, i sintomi,...


La Commissione Europea ha approvato Shingrix per la prevenzione del fuoco di Sant'Antonio ( Herpes Zoster ) e della nevralgia...


Shingrix è un vaccino impiegato per proteggere gli adulti di età pari o superiore a 50 anni contro le eruzioni...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


Uno studio che ha coinvolto adulti di 50 anni di età o più anziani ( ZOE-50 ) ha mostrato che...


Gli studi epidemiologici dimostrano che le infezioni infantili, tra cui il virus della varicella zoster ( VZV ), sono associate...