Sopravvivenza nei pazienti con atassia spinocerebellare di tipo 1, 2, 3 e 6


Le atassie spinocerebellari sono disturbi ereditari progressivi dell'atassia che possono portare a morte prematura.
È stata studiata la sopravvivenza globale dei pazienti con le atassie spinocerebellari più comuni ( SCA1, SCA2, SCA3 e SCA6 ) e sono stati identificati i fattori predittivi più forti che influenzano la sopravvivenza.

Nello studio EUROSCA sono stati arruolati uomini e donne di età pari o superiore a 18 anni, da 17 Centri di riferimento per l'atassia in 10 Paesi europei; i partecipanti presentavano risultati positivi ai test genetici per SCA1, SCA2, SCA3 o SCA6 e atassie progressive o inspiegabili.
La sopravvivenza è stata definita come il tempo dall'arruolamento alla morte per qualsiasi motivo.

Tra il 2005 e il 2006, 525 pazienti con SCA1 ( n=117 ), SCA2 ( n=162 ), SCA3 ( n=139 ) o SCA6 ( n=107 ) sono stati arruolati e seguiti.
Il tasso di sopravvivenza a 10 anni è stato del 57% per SCA1, 74% per SCA2, 73% per SCA3 e 87% per SCA6.

I fattori associati a una sopravvivenza più breve sono stati: disfagia ( hazard ratio, HR=4.52 ) e un valore superiore del punteggio alla scala SARA ( Scale for the Assessment and Rating of Ataxia ) ( HR=1.26 ) per i pazienti con SCA1; età avanzata all'inclusione ( HR=1.04 ), lunghezza di ripetizione CAG maggiore ( HR=1.16 ) e punteggio SARA più elevato ( HR=1.15 ) per i pazienti con SCA2; età avanzata all'inclusione ( HR=1.44 ), distonia ( HR=2.65 ), punteggio SARA più alto ( HR=1.26 ), e interazione negativa tra CAG ed età all'inclusione ( HR=0.994 ) per i pazienti con SCA3; punteggio SARA più alto ( HR=1.17 ) per i pazienti con SCA6.

La probabilità predittiva del nomogramma di sopravvivenza a 10 anni ha mostrato una buona discriminazione ( indice c 0.905 per SCA1, 0.822 per SCA2, 0.891 per SCA3 e 0.825 per SCA6 ).

Lo studio ha fornito dati quantitativi sulla sopravvivenza dei pazienti con le atassie spinocerebellari più comuni, sulla base di un lungo periodo di follow-up.
Questi risultati hanno implicazioni per la progettazione di futuri studi interventistici sulle atassie spinocerebellari; per esempio, il nomogramma di sopravvivenza prognostico potrebbe essere utile per la selezione e la stratificazione dei pazienti. I risultati devono essere convalidati in una popolazione esterna prima che possano essere usati per consigliare i pazienti e le loro famiglie. ( Xagena2018 )

Diallo A et al, Lancet Neurol 2018; 17: 327-334

Neuro2018



Indietro

Altri articoli

È stata effettuata una valutazione sistematica dell'ampia variabilità clinica nell'atassia di Friedreich ( FRDA ), un disturbo multisistemico che presenta...


La Niemann-Pick di tipo C ( NP-C ) è un raro disordine neurodegenerativo progressivo con trasmissione autosomica recessiva causato da...


L’atassia di Friedreich è una malattia autosomica recessiva senza terapia disponibile. Gli studi clinici con Eritropoietina nei pazienti con atassia...


L’atassia di Friedreich di solito si verifica prima dell'età di 25 anni. Sono state descritte varianti rare, come ad esempio...


È stata studiata l'associazione tra l'esposizione al farmaco e la gravità della malattia nella atassia spinocerebellare ( SCA ) di...


È stata stimata la prevalenza di atassia nell’infanzia derivata da cause sia genetiche sia acquisite mediante una revisione sistematica condotta...


L’atassia di Friedreich è una malattia degenerativa progressiva causata da deficit della proteina fratassina. Ripetizioni GAA espanse all'interno dell’introne 1...


L’effetto dell’espansione di ATXN2 sul sistema nervoso si presenta prima che possa essere diagnosticata la sindrome cerebrellare; tuttavia, la progressione...


Esiste una minima evidenza oggettiva per quanto riguarda la gestione della atassia di Friedreich ( FRDA ). Le terapie antiossidante...