Studio head-to-head nell'artrite reaumatoide: Upadacitinib superiore ad Abatacept


In uno studio di fase III, L'inibitore orale di JAK Upadacitinib ( Rinvoq ) è risultato più efficace del modulatore della costimolazione delle cellule T Abatacept ( Orencia ) nei pazienti con artrite reumatoide da moderata a grave che avevano una risposta inadeguata alla precedente terapia biologica.

Alla settimana 12, la variazione media rispetto al basale dell'indice di attività di malattia in 28 articolazioni ( DAS28, basato sulla proteina C-reattiva [ CRP ] ) è stata pari a -2,52 punti tra i pazienti randomizzati a Upadacitinib rispetto a -2 punti per quelli trattati con Abatacept.
Ciò rappresentava una differenza di -0.52 punti ( IC 95% da -0.69 a -0.35, P inferiore a 0,001 sia per la non-inferiorità che per la superiorità ).

In un paziente che ha una risposta inadeguata o non può tollerare la terapia biologica iniziale, le attuali raccomandazioni dell'American College of Rheumatology ( ACR ) e della European League Against Rheumatism ( EULAR ) suggeriscono che il passo successivo potrebbe essere un inibitore di JAK, un inibitore del fattore di necrosi tumorale ( TNF ) o un biologico con un meccanismo d'azione diverso rispetto all'agente iniziale.

Sia Upadacitinib che Abatacept hanno dimostrato efficacia nell'artrite reumatoide. E' stato, pertanto, condotto uno studio testa-a-testa ( head-to-head ) in doppio cieco in 120 centri in 28 Paesi, assegnando in modo casuale 612 pazienti a 15 mg di Upadacitinib per os al giorno o ad Abatacept per via endovenosa ogni 4 settimane, con dosaggio basato sul peso.

Sono stati consentiti farmaci di base, tra cui farmaci antireumatici convenzionali modificanti la malattia ( cDMARD ), farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), Paracetamolo e glucocorticoidi.

La fase in doppio cieco dello studio, nota come SELECT-CHOICE, ha seguito i pazienti per 24 settimane, e una fase di estensione è prevista per un massimo di 5 anni.

Più dell'80% dei pazienti erano donne, quasi tutti erano di razza bianca e l'età media era di 55.5 anni.
Il punteggio DAS28-CRP al basale era 5.70 nel gruppo Upadacitinib e 5.88 nel gruppo Abatacept.

Alla settimana 12, la percentuale di pazienti che hanno raggiunto la remissione, definita come punteggio DAS28-CRP inferiore a 2.6, era del 30% nel gruppo Upadacitinib rispetto al 13.3% nel gruppo Abatacept, per una differenza di 16.8 punti ( IC 95% da 10.4 a 23.2, P inferiore a 0.001 ).

Le variazioni medie alla settimana 12 sui componenti principali di DAS28-CRP per i gruppi Upadacitinib e Abatacept sono state rispettivamente: conteggio delle articolazioni dolenti, -10.49 versus -9.32 ( differenza -1.17, IC 95% da -1.96 a -0.39); conteggio delle articolazioni gonfie, -7.73 vs -7.31 ( differenza -0.41, IC 95% da -0.97 a 0.14 ); valutazione globale del paziente, -33.85 vs -28.35 ( differenza -5.49, IC 95% da -9.27 a -1.71 ); CRP, -12.34 mg/L vs -7.13 mg/L ( differenza -5.21, IC 95% da -6.87 a -3.56 ).

Poiché DAS28-CRP incorpora livelli di CRP ad alta sensibilità, sono state anche condotte analisi esplorative per gli endpoint non-basati su CRP, come il punteggio DAS28-VES ( velocità di sedimentazione degli eritrociti ) e l'indice CDAI ( Clinical Disease Activity Index ).

Durante la fase in doppio cieco di 24 settimane dello studio, sono stati osservati numericamente più eventi avversi nel gruppo Upadacitinib.
Eventi avversi gravi si sono verificati in 10 pazienti che avevano ricevuto Upadacitinib e in 5 trattati con Abatacept; infezioni gravi, rispettivamente in 3 e 1, e infezioni opportunistiche in 4 e 1.
Le infezioni da herpes zoster si sono sviluppate in 4 pazienti in ciascun gruppo.

Anomalie epatiche ( di solito aumenti non-gravi degli enzimi epatici ) sono state osservate in 23 pazienti nel gruppo Upadacitinib e in 5 nel gruppo Abatacept.
Anche le variazioni delle lipoproteine a bassa densità ( LDL ) e delle lipoproteine ad alta densità ( HDL ) dal basale alla settimana 24 sono risultate maggiori con Upadacitinib.

Un evento cardiovascolare maggiore, un ictus non-fatale, si è verificato in un paziente nel gruppo Upadacitinib; il paziente aveva avuto un precedente accidente cerebrovascolare.
I due eventi tromboembolici erano una trombosi venosa profonda in un paziente obeso con ipertensione, e un'embolia polmonare in un paziente che aveva precedentemente avuto un'embolia polmonare. ( Xagena2020 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2020

Reuma2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

C'è una forte motivazione dietro l'interferenza con la co-stimolazione dei linfociti T nel trattamento della malattia correlata alle immunoglobuline G...


La malattia acuta da trapianto contro l'ospite ( AGVHD ) grave ( grado 3-4 ) è una delle principali cause...


Abatacept ( Orencia ) è risultato ben tollerato dai pazienti con sclerosi sistemica cutanea diffusa precoce in uno studio di...


La remissione nell'artrite reumatoide rappresenta un efficace controllo della malattia e una riduzione dei sintomi, che può aiutare i pazienti...


Upadacitinib ( Rinvoq ) è un inibitore selettivo della Janus chinasi ( JAK ) per via orale per il trattamento...


Sono stati studiati gli effetti di Abatacept ( Orencia ) sull'attività della malattia e sulle caratteristiche di biopsia muscolare dei...


Sono state studiate la farmacocinetica, l'efficacia e la sicurezza del trattamento con Abatacept sottocutaneo ( Orencia ) per 24 mesi...


I farmaci anti-TNF-alfa ( fattore di necrosi tumorale ) e i nuovi farmaci biologici, Ustekinumab [ Stelara ] e Abacept...


È stata confrontata l'efficacia e la sicurezza di Abatacept ( Orencia ) per via endovenosa, un modulatore selettivo di costimolazione...