Chemioprevenzione del carcinoma della pelle non-melanoma con Celecoxib


Studi preclinici hanno indicato che l'enzima cicloossigenasi 2 ( Cox-2 ) gioca un ruolo importante nei tumori della pelle indotti dai raggi ultravioletti.

Sono state valutate la sicurezza e l’efficacia di Celecoxib ( Celebrex ), un inibitore selettivo Cox-2, come agente chemiopreventivo per la cheratosi attinica, precursore pre-maligno dei tumori della pelle diversi dal melanoma e per i tumori della pelle diversi dal melanoma, comprendenti i carcinomi cutanei a cellule squamose e i carcinomi a cellule basali.

Lo studio in doppio cieco, placebo-controllato e randomizzato, ha coinvolto 240 persone di età compresa tra 37 e 87 anni con 10-40 cheratosi attiniche.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere 200 mg di Celecoxib oppure placebo somministrati per via orale 2 volte al giorno per 9 mesi e sono stati valutati a 3, 6, 9 ( cioè al termine del trattamento ) e 11 mesi dopo la randomizzazione.

L'end point primario era il numero di nuove cheratosi attiniche alla visita a 9 mesi, come percentuale del numero al tempo della randomizzazione.

In un’analisi per intent-to-treat, l'incidenza di cheratosi attinica è stata confrontata tra i 2 gruppi utilizzando il t test.

Non è stata osservata differenza nell'incidenza di cheratosi attinica tra i due gruppi a 9 mesi dopo la randomizzazione.

Tuttavia, a 11 mesi dopo la randomizzazione, sono stati osservati meno carcinomi della pelle diversi dal melanoma nel braccio Celecoxib rispetto al braccio placebo ( numero cumulativo di tumori per pazienti 0.14 vs 0.35; rate ratio [ RR ]=0.43; P=0.003 ).

Dopo aggiustamento per età, sesso, tipo di pelle secondo la classificazione di Fitzpatrick, storia di cheratosi attinica alla randomizzazione, storia di carcinomi della pelle diversi da melanoma e tempo di permanenza nello studio, il numero di carcinomi della pelle diversi dal melanoma è risultato più basso nel gruppo Celecoxib che in quello placebo ( RR=0.41, P=0.002 ) così come i numeri di carcinomi a cellule basali ( RR=0.40, P=0.032 ) e carcinomi cutanei a cellule squamose ( RR=0.42, P=0.032 ).

Eventi avversi gravi e cardiovascolari sono risultati simili nei due gruppi.

In conclusione, Celecoxib è efficace nella prevenzione dei carcinomi cutanei a cellule squamose e carcinomi a cellule basali in individui con danno attinico esteso e ad alto rischio di sviluppare carcinomi della pelle diversi da melanoma. ( Xagena2010 )

Elmets CA et al, J Natl Cancer Inst 2010; 102: 1835-1844


Dermo2010 Farma2010 Onco2010


Indietro

Altri articoli


La chirurgia del tumore alla testa e al collo ( HNC ) con ricostruzione tissutale libera è associata a considerevole...


Le lineeguida attuali sono in conflitto per i pazienti ad alto rischio di eventi sia cardiovascolari che gastrointestinali che continuano...


La iperespressione tumorale della cicloossigenasi-2 ( COX-2 ) è risultata associata a un peggiore risultato nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule...


STAMPEDE ( Systemic Therapy for Advanced or Metastatic Prostate Cancer: Evaluation of Drug Efficacy ) è uno studio randomizzato controllato...


Quando utilizzato a dosi moderate, l’inibitore selettivo di COX-2, Celecoxib ( Celebrex ), è risultato non-inferiore ai farmaci anti-infiammatori non-steroidei...


Celecoxib ( Celebrex ) è risultato essere non-inferiore a Ibuprofene o a Naproxene per quanto riguarda la sicurezza cardiovascolare. Rispetto...


Celecoxib ( Celebrex ), impiegato a dosaggi moderati nei pazienti con osteoartrosi o artrite reumatoide, presenta un profilo cardiovascolare simile...


L’espressione della proteina cicloossigenasi-2 ( COX-2 ) in pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule potrebbe non solo rappresentare un...


L’Agenzia europea dei Medicinali, EMA, ha completato la revisione sull'uso di Celecoxib per ridurre il numero di polipi in pazienti...