Il trattamento con Abciximab e rtPA, ed addizionale PTA/stenting, migliora l’outcome clinico nell’occlusione vertebrobasilare acuta


Il trattamento di fibrinolisi locale con rtPA ( attivatore tissutale del plasminogeno ricombinante ) e l’inibizione piastrinica con Abciximab ( ReoPro ) per via endovenosa in associazione eventualmente ad angioplastica percutanea transluminale ( PTA ) con impianto di stent migliora la ricanalizzazione e l’outcome neurologico nei pazienti con occlusione vertebro-basilare acuta.

La terapia FAST combinata ( Local Fibrinolysis and Intravenous Abciximab in Acute Vertebrobasilar Stroke Treatment ) consisteva di un bolo per via endovenosa di Abciximab ( 0.25mg/kg di peso corporeo ) seguito da una terapia di infusione di 12 ore ( 0.125microg/kg x min ) e di rtPA a basso dosaggio per via intrarteriosa ( dosaggio medio, 20mg; coorte FAST: n= 47 ).

I risultati sono stati posti a confronto con una coorte retrospettiva trattata in monoterapia con rtPA per via intrarteriosa ( dosaggio medio, 40mg; coorte rtPA, n = 41 ).

L’angioplastica con impianto di stent è stata compiuta nei casi di grave stenosi residua.

Il successo della ricanalizzazione è stato classificato in accordo con i criteri TIMI: TIMI 0/1, ricanalizzazione fallita; TIMI 2/3, ricanalizzazione riuscita.

La percentuale generale di sanguinamento è risultata maggiore nella terapia combinata, ma l’incidenza di emorragia intracerebrale sintomatica non era differente ( terapia FAST versus rtPA: emorragia extracerebrale grave, 3% versus 0%; emorragia intracerebrale asintomatica, 32% versus 22%; emorragia intracerebrale sintomatica: ( 13% versus 12% ).

L’angioplastica con stent è stata eseguita in 14 pazienti su terapia FAST ed in 5 pazienti in terapia rtPA.

La percentuale di ricanalizzazione TIMI 2/3 è risultata simile ( FAST, 72%; rtPA, 68% ), ma la percentuale TIMI 3 è risultata notevolmente più elevata nei casi di terapia combinata ( FAST, 45%; rtPA, 22% ).

L’outcome ( esito ) neurologico è apparso migliore nella terapia combinata ( FAST versus rtPA: percentuale di outcome favorevole, 34% versus 17% ), con una mortalità significativamente inferiore ( FAST, 38% versus rtPA, 68%; p = 0.006 ).

I dati di questo studio hanno dimostrato che la terapia combinata di Abciximab e rtPA a metà dosaggio per via intrarteriosa con addizionale angioplastica ed impianto di stent sembra migliorare l’outcome neurologico nei casi di occlusione vertebro-basilare acuta, nonostante l’aumentata incidenza delle complicanze emorragiche. ( Xagena2005 )

Eckert B et al, Stroke 2005 36: 1160-1165

Neuro2005


Indietro

Altri articoli

La depressione postpartum è una delle complicanze mediche più comuni durante e dopo la gravidanza, che colpisce sia la madre...


Non ci sono dati certi riguardo ai rischi nell'uso del Litio durante la gravidanza nelle donne con disturbo bipolare. E'...


La sicurezza, l'efficacia e la tempistica appropriata della terapia con Isoniazide ( Nicozid ) per prevenire la tubercolosi in donne...


Si è valutato se la somministrazione di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) post-partum sia associata a un aumento della...


Le donne con malattie reumatiche che hanno continuato a ricevere inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNFi ) durante...


L’Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Administration ), ha approvato Natpara ( Ormone paratiroideo ) per controllare...


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha approvato Natpara, il cui principio attivo è l’Ormone paratiroideo ricombinante, per il...


Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Vestibulum tortor quam, feugiat vitae, ultricies eget,...


I risultati di due studi hanno mostrato risultati simili per la terapia endovascolare per via endovenosa e per il trattamento...


Lo studio IMS III ( Interventional Management of Stroke ) ha mostrato che l'uso combinato della terapia endovascolare più attivatore...