Possibile relazione tra anticorpi antifosfolipidi ed eventi embolici nella endocardite infettiva


Gli anticorpi antifosfolipidi ( aPL ) possono attivare le piastrine e contribuire alla crescita vegetativa e all'embolizzazione nell'endocardite infettiva .
Sono stati determinati i valori degli anticorpi antifosfolipidi come predittori di eventi embolici nella endocardite infettiva.

Sono stati studiati 186 pazienti con endocardite infettiva definita ( criteri Duke-Li, tutti i tipi di endocardite infettiva ) dal Registro prospettico Nanc-IE ( 2007-2012 ) che avevano tutti un campione di sangue congelato ed erano stati sottoposti ad almeno una procedura di imaging per rilevare gli eventi embolici asintomatici o confermare eventi embolici sintomatici.

Gli anticorpi anti-cardiolipina ( aCL ) e anti-beta2-glicoproteina I ( beta2-GPI ) ( IgG e IgM ) sono stati valutati dopo la fine dell'inclusione dei pazienti.
È stata studiata la relazione tra anticorpi e il rilevamento di eventi embolici dopo la diagnosi di endocardite infettiva.

Almeno un evento embolico è stato rilevato in 118 pazienti ( 63% ) ( 52 eventi cerebrali, 95 eventi in altre aree ) dopo la diagnosi di endocardite infettiva in 80 ( intervallo di tempo tra diagnosi di endocardite infettiva ed eventi embolici: 5.9 giorni ).

È stato rilevato almeno un anticorpo aPL in 31 pazienti ( 17% ).

Il rilevamento di eventi embolici nel tempo dopo la diagnosi di endocardite infettiva è stato più frequente tra i pazienti con IgM anti-beta2-GPI ( log-rank P=0.0036 ) e quello di embolia cerebrale tra i pazienti con aCL IgM e IgM anti-beta2-GPI (log-rank P=0.002 e P minore di 0.0001, rispettivamente ).

Fattori predittivi di eventi embolici sono stati IgM anti-beta2-GPI ( HR=3.45, P=0.0045 ), creatinina ( 2.74, P=0.0005 ) e dimensione della vegetazione ( 2.41, P=0.0014 ).

Fattori predittivi di embolia cerebrale sono stati aCL IgM ( HR=2.84, P=0.016 ) e IgM anti-beta2-GPI ( 4.77, P=0.0018 ).

In conclusione, la presenza di anticorpi antifosfolipidi e IgM anti-beta2-GPI è risultata associata a eventi embolici, in particolare a quelli cerebrali, e potrebbe contribuire a valutare il rischio embolico di endocardite infettiva. ( Xagena2018 )

Selton-Suty C et al, Heart 2018; 104: 509-516

Cardio2018 Inf2018



Indietro

Altri articoli

Gli anticorpi contro il polietilenglicole ( PEG ) in soggetti sani sollevano preoccupazioni sull'efficacia dei farmaci pegilati. È stata valutata...


La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini ( MIS-C ) è una rara ma grave complicanza dell'infezione da SARS-CoV-2. È stato...


La miopatia associata agli anticorpi anti-idrossi-metil-glutaril-coenzima A reduttasi ( HMGCR ) è stata riconosciuta come una nuova forma di miopatia...


I pazienti con arresto cardiaco extraospedaliero che rimangono in coma dopo la rianimazione iniziale sono ad alto rischio di morbilità...


Sono in corso studi su numerosi anticorpi monoclonali aventi prevalentemente come target di azione la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Tra...


La relazione tra la presenza di anticorpi contro il virus SARS-CoV-2 e il rischio di una successiva reinfezione rimane non...


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi....


La presenza di autoanticorpi LRPAP1 predice una migliore sopravvivenza libera da fallimento e sopravvivenza globale nei pazienti con linfoma mantellare...


I pazienti con anticorpi anti-SARS-CoV-2 sembrano essere protetti contro la reinfezione per almeno alcuni mesi. Nello studio, i ricercatori hanno osservato...


Secondo una ricerca, i pazienti con linfoma non-Hodgkin a cellule B ( B-NHL ) che sono attivamente sottoposti a trattamento...