Aciclovir per via orale e neurosviluppo dopo herpes neonatale


Scarsi di neurosviluppo non-favorevoli e ricorrenza delle lesioni cutanee mantengono una frequenza inaccettabile tra i sopravvissuti a malattia da herpes simplex virus ( HSV ) neonatale.

Neonati con malattia da HSV sono stati arruolati in due studi in parallelo, identici, in doppio cieco, placebo-controllati.

I neonati con coinvolgimento del sistema nervoso centrale sono stati arruolati in uno studio e quelli con coinvolgimento di pelle, occhi e bocca nell'altro.

Dopo il completamento di un regime di durata compresa tra 14 e 21 giorni di Aciclovir ( Zovirax ) parenterale, i neonati sono stati assegnati in maniera casuale a terapia di soppressione immediata con Aciclovir ( 300 mg per metro quadro di area di superficie corporea per dose per via orale, 3 volte al giorno per 6 mesi ) oppure a placebo.

Le recidive cutanee sono state trattate con terapia episodica in aperto.

In totale sono stati arruolati 74 neonati: 45 con coinvolgimento del sistema nervoso centrale e 29 con malattia a livello di cute, occhi e bocca.

L'indice MDI ( Mental Development Index ) della scala BSID ( Bayley Scales of Infant Development ) (in cui sono previsti punteggi da 50 a 150, con una media di 100, e con punteggi più alti che indicano esiti di neurosviluppo migliori ) sono stati valutati in 28 dei 45 neonati con coinvolgimento del sistema nervoso centrale ( 62% ) a 12 mesi di età.

Dopo aggiustamento per covariate, i neonati con coinvolgimento del sistema nervoso centrale che erano stati assegnati a soppressione con Aciclovir hanno mostrato punteggi medi di sviluppo mentale alla scala Bayley a 12 mesi più alti di quelli di neonati assegnati a placebo ( 88.24 vs 68.12, P=0.046 ).

In generale, è stata osservata una tendenza verso una maggiore neutropenia nel gruppo Aciclovir che nel gruppo placebo ( P=0.09 ).

In conclusione, i bambini sopravvissuti a malattia neonatale da virus HSV con coinvolgimento del sistema nervoso centrale hanno mostrato miglioramenti negli esiti di neurosviluppo nel caso di trattamento con terapia soppressiva con Aciclovir per via orale per 6 mesi. ( Xagena2011 )

Kimberlin DW et al, N Engl J Med 2011; 365: 1284-1292


Inf2011 Pedia2011 Farma2011


Indietro

Altri articoli

Il DNA dell'herpesvirus umano 6B ( HHV-6B ) viene frequentemente rilevato nel liquido di lavaggio broncoalveolare ( BALF ) da...


Rimane incerto se l'uso delle statine sia associato a rischio di tubercolosi e di herpes zoster nei pazienti con diabete...


L'herpes zoster, una frequente complicanza a seguito del trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ), è associato a...


I pazienti con lupus eritematoso sistemico ( SLE ) sono sensibili all'infezione da virus herpes simplex ( HSV ), che...


L'encefalite da herpes simplex può scatenare l'encefalite autoimmune che porta a peggioramento neurologico. Sono stati valutati la frequenza, i sintomi,...


La Commissione Europea ha approvato Shingrix per la prevenzione del fuoco di Sant'Antonio ( Herpes Zoster ) e della nevralgia...


Shingrix è un vaccino impiegato per proteggere gli adulti di età pari o superiore a 50 anni contro le eruzioni...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


Uno studio che ha coinvolto adulti di 50 anni di età o più anziani ( ZOE-50 ) ha mostrato che...


Gli studi epidemiologici dimostrano che le infezioni infantili, tra cui il virus della varicella zoster ( VZV ), sono associate...