Progressione delle caratteristiche precoci della atassia spinocerebellare di tipo 2 negli individui a rischio


L’effetto dell’espansione di ATXN2 sul sistema nervoso si presenta prima che possa essere diagnosticata la sindrome cerebrellare; tuttavia, la progressione delle manifestazioni cliniche sottostanti non è nota.

È stato condotto uno studio per valutare la progressione delle principali caratteristiche cliniche nelle fasi iniziali della atassia spinocerebellare di tipo 2 ( SCA2 ).

Lo studio longitudinale è stato condotto nel periodo 1986-2013, in portatori e non-portatori della mutazione SCA2.

Sono stati arruolati soggetti di età compresa tra 6 e 60 anni, figli o fratelli asintomatici di pazienti con atassia spinocerebellare di tipo 2.

I partecipanti sono stati valutati ripetutamente ( 2-7 volte ) fino alla presentazione di sindrome cerebellare definita.

Tutti i partecipanti sono stati sottoposti a visite neurologiche standardizzate e a valutazioni elettrofisiologiche ( test di conduzione nervosa e potenziali evocati somato-sensoriali [ PESS ] ) e genetiche.

Sono stati arruolati 40 ( 73% ) dei 55 partecipanti eleggibili alla valutazione basale, 21 ( 13 donne e 8 uomini ) dei quali erano portatori della mutazione SCA2, e 19 ( 14 donne e 5 uomini ) non-portatori.

Crampi muscolari e anomalie sensoriali erano le più comuni caratteristiche cliniche nei portatori ( n=17 [ 81% ] per entrambe ) rispetto ai controlli ( n=3 [ 16% ] e n=4 [ 21% ], rispettivamente; χ(2)=84.58; p inferiore a 0.0001, e χ(2)=72.03; p inferiore a 0.0001, rispettivamente ).

Entrambe le caratteristiche hanno mostrato un notevole peggioramento nel tempo e, in 17 ( 81% ) portatori, l’età all’insorgenza è risultata inversamente correlata alle ripetizioni CAG ( crampi: r -0.76, p=0.0004; anomalie sensoriali: r -0.77, p=0.0004 ).

L’iperreflessia è risultata associata a un lungo periodo all’insorgenza di atassia ( media 5.71 anni ), mentre l’iporeflessia a un periodo breve ( mediana 1.29 anni ).

Le registrazioni elettrofisiologiche ottenute tra 5 e 8 anni prima dell’atassia in 11 ( 52% ) portatori hanno mostrato una ridotta ampiezza sensoriale per il nervo mediano ( 10.34 uV ) e una prolunagata latenza P40 media ( 39.31 ms ) rispetto a controlli appaiati per età e sesso ( 20.72 uV; p=0.0085, e 35.60 ms; p=0.0023, rispettivamente ).

In conclusione, le caratteristiche precoci della atassia spinocerebellare di tipo 2 sono identificabili prima dell’insorgenza di sindrome cerebellare e sono associate a un’aumento delle ripetizioni CAG e al tempo all’insorgenza della sindrome cerebellare.
Queste osservazioni potrebbero facilitare il counselling genetico e offrono anche dati fisiopatologici che potrebbero aiutare ad implementare gli studi clinici negli stadi iniziali della malattia. ( Xagena2014 )

Velázquez-Pérez L et al, Lancet Neurol 2014; 13: 482-489

Neuro2014



Indietro

Altri articoli

Le atassie spinocerebellari sono disturbi ereditari progressivi dell'atassia che possono portare a morte prematura. È stata studiata la sopravvivenza globale dei...


È stata effettuata una valutazione sistematica dell'ampia variabilità clinica nell'atassia di Friedreich ( FRDA ), un disturbo multisistemico che presenta...


La Niemann-Pick di tipo C ( NP-C ) è un raro disordine neurodegenerativo progressivo con trasmissione autosomica recessiva causato da...


L’atassia di Friedreich è una malattia autosomica recessiva senza terapia disponibile. Gli studi clinici con Eritropoietina nei pazienti con atassia...


L’atassia di Friedreich di solito si verifica prima dell'età di 25 anni. Sono state descritte varianti rare, come ad esempio...


È stata studiata l'associazione tra l'esposizione al farmaco e la gravità della malattia nella atassia spinocerebellare ( SCA ) di...


È stata stimata la prevalenza di atassia nell’infanzia derivata da cause sia genetiche sia acquisite mediante una revisione sistematica condotta...


L’atassia di Friedreich è una malattia degenerativa progressiva causata da deficit della proteina fratassina. Ripetizioni GAA espanse all'interno dell’introne 1...


Esiste una minima evidenza oggettiva per quanto riguarda la gestione della atassia di Friedreich ( FRDA ). Le terapie antiossidante...