Antiepilettici: rischio di autolesionismo e di comportamento suicidario con Levetiracetam, Tiagabina, Topiramato e Vigabatrin


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha evidenziato che la classe dei farmaci antitiepilettici aumenta il rischio di pensieri suicidari e di comportamenti suicidari.

Ricercatori dell’Università di Brema in Germania, hanno condotto uno studio osservazionale con i dati provenienti dal UK General Practice Research Database per verificare se anche nella pratica clinica fosse evidente l’aumento del rischio suicidario associato a differenti gruppi di farmaci antiepilettici.

Lo studio caso-controllo nested ha riguardato 44.300 pazienti con epilessia, trattati con farmaci antiepilettici.

Sono stati identificati 453 casi di autolesionismo e di comportamento suicidario, e i dati messi a confronto con 8.962 controlli.

I farmaci antiepilettici sono stati classificati in 4 gruppi: barbiturici, antiepilettici convenzionali, e più nuovi antiepilettici dotati di basso potenziale di causare depressione [ Lamotrigina ( Lamictal ), Gabapentin ( Neurontin ), Pregabalin ( Lyrica ), Oxcarbazepina ( Tolep ) ] o alto [ Levetiracetam ( Keppra ), Tiagabina ( Gabitril ), Topiramato ( Topamax ), Vigabatrin ( Sabril ) ].

L’uso corrente dei più nuovi antiepilettici con un alto potenziale di causare depressione è risultato associato a un aumento 3 volte maggiore del rischio di autolesionismo o comportamento suicidario ( odds ratio, OR=3.08 ), rispetto al non impiego degli antiepilettici nel corso dell’ultimo anno.

L’uso dei barbiturici ( OR=0.66 ), degli antiepilettici convenzionali ( OR=0.74 ), o dei più nuovi antiepilettici a basso rischio ( OR=0.87 ) non era associato ad un aumento del rischio.

In conclusione, i più nuovi antiepilettici con una maggiore frequenza di sintomi depressivi negli studi clinici possono aumentare il rischio di autolesionismo o di comportamento suicidario anche nella pratica clinica. Per la maggior parte degli altri antiepilettici comunemente utilizzati, nessun incremento del rischio è stato osservato. ( Xagena2010 )

Andersohn F et al, Neurology 2010; 75: 335-340


Farma2010 Neuro2010 Psyche2010


Indietro

Altri articoli

Le prime 4 settimane dopo l'inizio e la cessazione del trattamento con agonisti degli oppioidi per la dipendenza da oppioidi...


I pensieri suicidari e l'autolesionismo non-suicidario sono comuni negli adolescenti e sono fortemente associati ai tentativi di suicidio. Si è...


La chirurgia bariatrica riduce la mortalità, ma potrebbe avere effetti negativi sulla salute mentale. È stato valutato il rischio di suicidio...


L'autolesionismo non-suicida viene sempre più riconosciuto come una preoccupazione di salute pubblica di primo piano. L'identificazione di fattori di rischio precoci...


Sebbene l’autolesionismo sia un forte predittore di suicidio, manca la prova di interventi efficaci. Si è valutato se la terapia...


Uno studio ha cercato di verificare se l’essere frequentemente oggetti di atti di bullismo durante l'infanzia possa aumentare la probabilità...


Si è valutato in uno studio se i fattori clinici e psicosociali negli adolescenti depressi al basale possano predire i...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha rivelato che la classe dei farmaci antiepilettici aumenta il rischio di pensieri e...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...