Predittori clinici e psicosociali dei tentativi di suicidio e degli atti di autolesionismo


Si è valutato in uno studio se i fattori clinici e psicosociali negli adolescenti depressi al basale possano predire i tentativi di suicidio e gli atti di autolesionismo non-suicidari nel corso di 28 settimane di follow-up.

I partecipanti allo studio erano 164 adolescenti con disturbo depressivo maggiore che facevano parte dello studio ADAPT ( Adolescent Depression Antidepressants and Psycoterapy ).

Sono stati valutati al basale i sintomi clinici, la condizione della famiglia, la qualità delle attuali amicizie personali e gli atti di autolesionismo suicidari e non-suicidari.
I pensieri e i comportamenti suicidari e di autolesionismo non-suicidario sono stati valutati durante 28 settimane di follow-up.

Alta suicidalità, autolesionismo non-suicidario e una condizione di famiglia povera all'ingresso dello studio sono risultati significativi predittori indipendenti di tentativi di suicidio durante 28 settimane di follow-up.

L’autolesionismo non-suicidario nel periodo di follow-up è stato predetto in modo indipendente da autolesionismo non-suicidario, disperazione, ansia, sesso femminile e più giovane età al momento dell'ingresso nello studio.

In conclusione, sia l’autolesionismo suicidario che non-suicidario persistevano negli adolescenti depressi sottoposti a trattamento nello studio ADAPT.
Una storia di autolesionismo non-suicidario prima del trattamento può rappresentare un marcatore clinico di successivi tentativi di suicidio e dovrebbe essere attentamente valutato nei giovani depressi come l’intento e il comportamento suicidario. ( Xagena2011 )

Wilkinson P et al, Am J Psych 2011; 168: 495-501


Psyche2011



Indietro

Altri articoli

Le prime 4 settimane dopo l'inizio e la cessazione del trattamento con agonisti degli oppioidi per la dipendenza da oppioidi...


I pensieri suicidari e l'autolesionismo non-suicidario sono comuni negli adolescenti e sono fortemente associati ai tentativi di suicidio. Si è...


La chirurgia bariatrica riduce la mortalità, ma potrebbe avere effetti negativi sulla salute mentale. È stato valutato il rischio di suicidio...


L'autolesionismo non-suicida viene sempre più riconosciuto come una preoccupazione di salute pubblica di primo piano. L'identificazione di fattori di rischio precoci...


Sebbene l’autolesionismo sia un forte predittore di suicidio, manca la prova di interventi efficaci. Si è valutato se la terapia...


Uno studio ha cercato di verificare se l’essere frequentemente oggetti di atti di bullismo durante l'infanzia possa aumentare la probabilità...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha evidenziato che la classe dei farmaci antitiepilettici aumenta il rischio di pensieri suicidari...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha rivelato che la classe dei farmaci antiepilettici aumenta il rischio di pensieri e...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...