Autolesionismo e suicidio durante e dopo il trattamento con agonisti degli oppioidi tra i pazienti di cure primarie in Inghilterra


Le prime 4 settimane dopo l'inizio e la cessazione del trattamento con agonisti degli oppioidi per la dipendenza da oppioidi sono associate a un aumentato rischio di mortalità per tutte le cause e di sovradosaggio.
Si è determinato se il tasso di autolesionismo e suicidio tra le persone a cui è stato prescritto un trattamento con agonisti degli oppioidi differisca durante l'inizio, la cessazione e il resto del tempo di trattamento ON e OFF.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo e sono stati utilizzati i dati sanitari del CPRD ( Clinical Practice Research Datalink ) del Regno Unito, collegati ai dati sulla mortalità e sul ricovero ospedaliero, per gli adulti di età tra 18 e 75 anni all'ingresso della coorte, a cui era stato prescritto un trattamento con agonisti degli oppioidi almeno una volta nell’assistenza primaria in Inghilterra tra il 1998 e il 2018.

Sono stati stimati i tassi e i rapporti di rischio aggiustati ( aRR ) di ricoveri ospedalieri per autolesionismo e morte per suicidio, confrontando il tempo durante e dopo il trattamento, nonché confrontando i periodi stabili di tempo durante il trattamento con l'inizio, la cessazione del trattamento e il tempo residuo con trattamento OFF.

Tra il 1998 e il 2018, 8.070 pazienti ( 5.594 uomini, 69.3%, e 2.476 donne, 30.7% ) hanno ricevuto 17.004 episodi di trattamento con agonisti degli oppioidi in 40.599 anni-persona.
I pazienti erano principalmente di etnia bianca ( 7.006 pazienti, 86.8% ).
Durante il periodo di studio si sono verificati 807 episodi di autolesionismo ( 1.99 per 100 anni-persona ) e 46 suicidi ( 0.11 per 100 anni-persona ).

Il tasso complessivo di mortalità per suicidio standardizzato per età e per sesso è stato 7.5 volte nella coorte di studio rispetto alla popolazione generale.
Il trattamento con agonisti degli oppioidi è stato associato a un ridotto rischio di autolesionismo ( aRR nei periodi con trattamento OFF 1.50 ), ma non è stato significativamente associato al rischio di suicidio ( aRR nei periodi con trattamento OFF 1.21 ).

Periodi stabili di trattamento con agonisti degli oppioidi sono associati a un ridotto rischio di autolesionismo, sottolineando l'importanza di migliorare la ritenzione dei pazienti in trattamento.
Il primo mese successivo all'interruzione del trattamento con agonisti degli oppioidi è un periodo di aumentato rischio di suicidio e autolesionismo, durante il quale è necessario un ulteriore supporto psicosociale. ( Xagena2022 )

Padmanathan P et al, Lancet Psychiatry 2022; 9: 151-159

Psyche2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

I pensieri suicidari e l'autolesionismo non-suicidario sono comuni negli adolescenti e sono fortemente associati ai tentativi di suicidio. Si è...


La chirurgia bariatrica riduce la mortalità, ma potrebbe avere effetti negativi sulla salute mentale. È stato valutato il rischio di suicidio...


L'autolesionismo non-suicida viene sempre più riconosciuto come una preoccupazione di salute pubblica di primo piano. L'identificazione di fattori di rischio precoci...


Sebbene l’autolesionismo sia un forte predittore di suicidio, manca la prova di interventi efficaci. Si è valutato se la terapia...


Uno studio ha cercato di verificare se l’essere frequentemente oggetti di atti di bullismo durante l'infanzia possa aumentare la probabilità...


Si è valutato in uno studio se i fattori clinici e psicosociali negli adolescenti depressi al basale possano predire i...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha evidenziato che la classe dei farmaci antitiepilettici aumenta il rischio di pensieri suicidari...


Una recente meta-analisi di studi randomizzati ha rivelato che la classe dei farmaci antiepilettici aumenta il rischio di pensieri e...


Uno studio, pubblicato su Neurology, ha mostrato che alcuni farmaci per l’epilessia sono associati a un aumento del rischio di...