I nuovi dati convalidano l'impiego in ambiente adiuvante di Osimertinib nel tumore al polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato, metastatico


Osimertinib ( Tagrisso ) nel setting adiuvante ha indotto riduzioni clinicamente significative della recidiva e della mortalità della malattia a carico del sistema nervoso centrale ( CNS ) tra i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazione in EGFR.

Circa il 30% dei pazienti con tumore NSCLC presenta una malattia resecabile alla diagnosi per la quale la chirurgia con intento curativo è il trattamento primario; tuttavia, i tassi di recidiva della malattia dopo intervento chirurgico rimangono elevati in tutte le fasi della malattia, indipendentemente dall'uso della chemioterapia postoperatoria.
Gli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR sono standard di cura per i pazienti con tumore NSCLC EGFR-positivo, metastatico.
Precedenti studi avevano indicato che potrebbe esserci un ruolo per gli inibitori tirosin-chinasici di EGFR nel tumore resecato.

Nello studio di fase 3 ADAURA è stata valutata la sicurezza e l'efficacia di Osimertinib, un inibitore tirosin-chinasico di terza generazione di EGFR, rispetto al placebo per i pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule con EGFR mutato, completamente resecato.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale im un rapporto 1:1 a 80 mg una volta al giorno di Osimertinib ( n = 339; età mediana, 64 anni; 68% donne; 64% asiatici ) oppure a placebo ( n = 343; età media, 62 anni; 72% donne; 64% asiatici ).
Il trattamento è continuato per 3 anni.

La sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) valutata dallo sperimentatore tra i pazienti con malattia in stadio II e in stadio IIIA è servita come endpoint primario.
Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza DFS nella popolazione generale, la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Sono stati riportati i dati di una analisi esplorativa prespecificata dei pattern di recidiva della malattia tra tutti i pazienti con malattia da stadio IB a stadio IIIA.
Il follow-up mediano è stato di 22 mesi.

I risultati hanno mostrato un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da malattia tra quelli assegnati a Osimertinib ( mediana non-raggiunta versus 27.5 mesi; hazard ratio, HR = 0.2; IC 99.12%, 0.14-0.3 ).
Gli eventi di sopravvivenza DFS si sono verificati nell'11% dei pazienti nel gruppo Osimertinib rispetto al 46% di quelli trattati con placebo.

I pazienti trattati con Osimertinib avevano maggiori probabilità di avere recidive locali o regionali, con solo il 38% dei pazienti in quel gruppo che ha presentato recidive metastatiche rispetto al 61% dei pazienti del gruppo placebo.

Sono stati osservati miglioramenti clinicamente significativi nella sopravvivenza senza malattia del sistema nervoso centrale ( SNC ) con Osimertinib ( mediana, non-raggiunta versus 48.2 mesi; HR = 0-18; IC 95%, 0.1-0.33 ), che corrispondeva a una diminuzione dell'82% del rischio di recidiva o morte da malattia a carico del SNC.
La probabilità condizionata di recidiva a livello del sistema nervoso centrale a 12 mesi è risultata inferiore all'1% con Osimertinib rispetto al 7% con placebo.

Sebbene i dati sulla sopravvivenza globale fossero ancora immaturi al momento del cutoff dei dati, 9 pazienti nel gruppo Osimertinib erano deceduti contro 20 pazienti nel gruppo placebo.

Non sono stati osservati nuovi problemi di sicurezza.

Il ridotto rischio di recidiva locale e distante e il miglioramento della sopravvivenza senza malattia a carico del sistema nervoso centrale in questo studio forniscono elementi a sostegno dell'uso di Osimertinib in ambiente adiuvante come trattamento altamente efficace in grado di cambiare la pratica per i pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule EGFR-mutato, metastatico, stadio IB-IIIA, dopo resezione completa del tumore. ( Xagena2020 )

Fonte: European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Virtual Congress, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro

Altri articoli

Sono stati studiati molti potenziali fattori di rischio ambientale, fattori di protezione ambientale e biomarcatori periferici per l'ADHD o disturbo...


Il test degli anticorpi anti-peptide ciclico citrullinato ( anti-CCP2 ) di seconda generazione rileva la maggioranza ma non tutti gli anticorpi...


È stato effettuato uno studio sulla rosacea per definirne formalmente i contributi genetici e ambientali. È stata studiata una coorte...


Dalla fine del 2011, quando il lavoro scientifico di Don Poldermans è stato per la prima esaminato ci sono state...


La febbre mediterranea familiare è una malattia autoinfiammatoria causata da mutazioni del gene MEFV. È stato analizzato l'impatto di fattori...


Lo studio ATLANTIC aveva come obiettivo quello di determinare la tempistica ottimale per l’inizio della terapia antipiastrinica, valutando se Ticagrelor...


La crescita de novo dei follicoli piliferi nella pelle adulta avviene mediante un processo noto come neogenesi dei peli. Un...


Si sono voluti studiare i fattori di rischio medico e ambientale dell'alopecia cicatriziale centrifuga centrale, il tipo più comune di...


Il linfoma di Hodgkin rappresenta il più comune sottotipo di linfoma maligno nei giovani nel mondo occidentale. La maggior parte...