Effetto a lungo termine di Tocilizumab nei pazienti con arterite a cellule giganti: studio GiACTA


La combinazione di Tocilizumab ( RoActemra ) più un glucocorticoide a regime decrescente è efficace nel mantenere la remissione clinica senza richiedere un'ulteriore terapia con glucocorticoidi nei pazienti con arterite a cellule giganti, come mostrato nella prima parte dello studio GiACTA ( Giant Cell Arteritis Actemra ).
Tuttavia, la durata dell'effetto di Tocilizumab dopo l'interruzione non è nota.

È stato esaminato il mantenimento dell'efficacia 1 anno dopo l'interruzione del trattamento con Tocilizumab, l'efficacia del ritrattamento con Tocilizumab dopo la recidiva e l'effetto di Tocilizumab sul risparmio dei glucocorticoidi a lungo termine.

Nella prima parte dello studio GiACTA, 251 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Tocilizumab per via sottocutanea ( 162 mg ) una volta alla settimana o a settimane alterne, in combinazione con una riduzione graduale di Prednisone di 26 settimane o con placebo combinato con una riduzione graduale di Prednisone per un periodo di 26 settimane o 52 settimane.

I pazienti in remissione clinica hanno interrotto le iniezioni in cieco a 1 anno ( la conclusione della parte 1 ).
Nella parte 2, il trattamento era a discrezione dei ricercatori e poteva consistere in nessun trattamento, Tocilizumab, glucocorticoidi, Metotrexato o combinazioni di questi, per 2 anni.

Il mantenimento dell'efficacia valutato mediante remissione clinica ( definita come assenza di recidiva determinata dallo sperimentatore ), dose cumulativa di glucocorticoidi, e la sicurezza a lungo termine sono stati obiettivi esplorativi nella seconda parte dello studio.

Hanno partecipato alla parte 2 dello studio 215 pazienti; 81 pazienti che sono stati assegnati in modo casuale a Tocilizumab una volta a settimana nella parte 1 erano in remissione clinica dopo 1 anno, di cui 59 hanno iniziato la parte 2 senza alcun trattamento. 25 di questi 59 pazienti ( 42% ) hanno mantenuto la remissione clinica senza Tocilizumab e senza glucocorticoidi per tutta la parte 2.

Le dosi cumulative mediane di glucocorticoidi nell'arco di 3 anni sono state 2.647 mg per Tocilizumab una volta a settimana, 3.948 mg per Tocilizumab a settimane alterne, 5.277 mg per placebo con una riduzione graduale di Prednisone per 26 settimane e 5.323 mg per placebo con una riduzione graduale di Prednisone per 52 settimane ( van Elteren P minore o uguale a 0.001, Tocilizumab una volta a settimana versus gruppi placebo; P minore di 0.05, Tocilizumab a settimane alterne vs gruppi placebo ).

I regimi a base di Tocilizumab hanno ripristinato la remissione clinica tra i pazienti che hanno manifestato recidiva nella parte 2 e sono stati trattati ( tempo mediano alla remissione: 15 giorni per solo Tocilizumab, n=17; 16 giorni per Tocilizumab più glucocorticoidi, n=36; e 54 giorni per i soli glucocorticoidi, n=27 ). Non sono stati riportati risultati di sicurezza nuovi o imprevisti durante gli interi 3 anni dello studio.

L'arterite a cellule giganti rimane una malattia cronica che richiede una gestione continua e un'attenta vigilanza per la recidiva della malattia, ma non è richiesto un trattamento continuo a tempo indeterminato con farmaci immunosoppressori per tutti i pazienti.
Una parte sostanziale dei pazienti trattati con Tocilizumab per un anno mantiene la remissione senza farmaco durante i 2 anni successivi alla cessazione di Tocilizumab.
Per i pazienti che manifestano recidive, Tocilizumab può essere utilizzato per gestire le recidive, ma rimane prudente includere il Prednisone per i pazienti che manifestano recidive a causa del rischio di perdita della vista. ( Xagena2021 )

Stone JH et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 328-336

Reuma2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La biopsia dell'arteria temporale è considerata il gold standard diagnostico per l'arterite a cellule giganti, nonostante circa il 39% dei...


Due studi randomizzati controllati hanno mostrato un effetto di risparmio di glucocorticoidi da parte di Tocilizumab ( RoActemra ) nei...


È stata studiata l'efficacia e la sicurezza dell'anticorpo contro il recettore dell' interleuchina-6 ( IL-6 ) Tocilizumab ( RoActemra )...


Si sospetta che le alterazioni nel sistema immunitario e le infezioni possano aumentare la suscettibilità all'arterite a cellule giganti (...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


A causa dell'ampia variazione nel decorso dell'arterite di Takayasu, prevedere l’esito è difficile. Sono stati valutati i risultati a lungo termine...


RoActemra è un medicinale impiegato per il trattamento di: • adulti affetti da artrite reumatoide in forma grave e in fase...


Nella maggior parte dei pazienti con vasculite necrotizzante sistemica non-grave, la remissione è ottenuta con i glucocorticoidi da soli, ma...


Nel corso del Congresso annuale dell’American College of Rheumatology ( ACR ), sono stati presentati i risultati dello studio di...