Tocilizumab in monoterapia dopo somministrazione ultra-breve di glucocorticoidi nell'arterite a cellule giganti


Due studi randomizzati controllati hanno mostrato un effetto di risparmio di glucocorticoidi da parte di Tocilizumab ( RoActemra ) nei pazienti con arterite a cellule giganti.
Nello studio GUSTO sono state valutate l'efficacia e la sicurezza della monoterapia con Tocilizumab dopo il trattamento con glucocorticoidi a brevissimo termine nei pazienti con arterite a cellule giganti di nuova insorgenza.

Questo studio sperimentale, a braccio singolo, a singolo centro, in aperto, proof-of-concept, con un disegno a due fasi di Simon è stato condotto presso l'ospedale universitario di Berna, Svizzera.

Sono stati arruolati pazienti di età superiore a 50 anni con nuova diagnosi di arterite a cellule giganti ( entro 4 settimane prima della visita di screening ) che soddisfacessero i criteri dell'American College of Rheumatology ( ACR ) o con polimialgia reumatica associata a vasculite dei grandi vasi.
I partecipanti hanno ricevuto 500 mg di Metilprednisolone per via endovenosa per 3 giorni consecutivi.

Successivamente, il trattamento con glucocorticoidi è stato interrotto ed è stata somministrata una singola infusione di Tocilizumab ( 8 mg/kg di peso corporeo ) per via endovenosa, seguita da iniezioni sottocutanee settimanali di Tocilizumab ( 162 mg ) fino alla settimana 52.

L'endpoint primario era la proporzione di pazienti che hanno avuto remissione entro 31 giorni e non hanno mostrato recidive alla settimana 24.
Gli endpoint secondari erano la percentuale di pazienti con remissione completa della malattia senza recidive alle settimane 24 e 52 e il tempo alla prima remissione, prima recidiva dopo l'induzione della remissione e prima remissione parziale.

Dal 2018 al 2019 sono stati arruolati 18 pazienti ( 12 su 18 erano donne, 18 su 18 erano bianchi ) con un'età media di 72 anni.
Complessivamente, 15 pazienti su 18 avevano sintomi cranici, 10 su 18 avevano sintomi di polimialgia reumatica e 13 pazienti su 18 mostravano un'istopatologia positiva.

All'analisi ad interim, 3 pazienti su 12 ( 25% ) erano in remissione. L'ipotesi nulla non poteva essere rifiutata e lo studio era inutile rispetto all'endpoint primario. Tuttavia, 14 su 18 pazienti ( 78% ) hanno avuto remissione entro 24 settimane ( tempo medio alla prima remissione 11.1 settimane ) e 13 su 18 non hanno mostrato recidive fino a 52 settimane.
Il tempo medio alla prima remissione parziale è stato di 6.2 settimane.

Non è stato possibile stimare il tempo alla prima ricaduta ( dopo l'induzione della remissione ) poiché non si è verificata alcuna ricaduta dopo l'induzione della remissione.
Complessivamente, 3 dei 18 pazienti non hanno risposto al trattamento e 2 dei 18 hanno interrotto lo studio a causa di un evento avverso ( epatopatia, 1, e diverticolite, 1 ).
La neuropatia ottica ischemica anteriore si è verificata in un paziente.

I dati hanno mostrato un lento effetto che induce la remissione e un duraturo mantenimento della remissione da parte di Tocilizumab dopo un impulso ultra-breve di glucocorticoidi nei pazienti con arterite a cellule giganti di nuova diagnosi.
Come studio proof-of-concept, i dati non consentono di proporre raccomandazioni cliniche. ( Xagena2021 )

Christ L et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 619-626

Reuma2021 Farma2021


Indietro

Altri articoli

La combinazione di Tocilizumab ( RoActemra ) più un glucocorticoide a regime decrescente è efficace nel mantenere la remissione clinica...


La biopsia dell'arteria temporale è considerata il gold standard diagnostico per l'arterite a cellule giganti, nonostante circa il 39% dei...


È stata studiata l'efficacia e la sicurezza dell'anticorpo contro il recettore dell' interleuchina-6 ( IL-6 ) Tocilizumab ( RoActemra )...


Si sospetta che le alterazioni nel sistema immunitario e le infezioni possano aumentare la suscettibilità all'arterite a cellule giganti (...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


A causa dell'ampia variazione nel decorso dell'arterite di Takayasu, prevedere l’esito è difficile. Sono stati valutati i risultati a lungo termine...


RoActemra è un medicinale impiegato per il trattamento di: • adulti affetti da artrite reumatoide in forma grave e in fase...


Nella maggior parte dei pazienti con vasculite necrotizzante sistemica non-grave, la remissione è ottenuta con i glucocorticoidi da soli, ma...


Nel corso del Congresso annuale dell’American College of Rheumatology ( ACR ), sono stati presentati i risultati dello studio di...