Apixaban associato a minor rischio di sanguinamento gastrointestinale rispetto agli altri anticoagulanti orali diretti nei pazienti anziani con malattia renale cronica


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor rischio di sanguinamento gastrointestinale rispetto a Dabigatran ( Pradaxa ), Edoxaban ( Lixiana ) e Rivaroxaban ( Xarelto ), secondo i nuovi risultati di una analisi.
I rischi di ictus ischemico / embolia sistemica ed emorragia intracranica appaiono simili tra gli anticoagulanti DOAC.
Questi risultati si applicano ai pazienti con malattia renale cronica e a quelli di età pari o superiore a 80 anni.

In uno studio osservazionale condotto su 527.226 nuovi utilizzatori di anticoagulanti orali diretti in Francia, Germania, Regno Unito e Stati Uniti, Apixaban è risultato significativamente associato a un rischio inferiore di sanguinamento gastrointestinale, rispettivamente, del 19%, 23% e 28% versus Dabigatran, Edoxaban e Rivaroxaban, dopo gli aggiustamenti basati sul punteggio di propensione.

Nelle analisi dei sottogruppi, Apixaban è risultato significativamente associato a un rischio inferiore del 28%, 32%, 36% e 32% di sanguinamento gastrointestinale rispetto a Rivaroxaban tra i pazienti che ricevevano una terapia con anticoagulante DOAC a dose standard, una terapia con anticoagulante DOAC a dose ridotta, di età pari o superiore a 80 anni, e con malattia renale cronica.

Della coorte, il 24% aveva ricevuto una terapia con anticoagulanti DOAC a dose ridotta, il 19% aveva un'età pari o superiore a 80 anni e il 13.5% aveva una malattia renale cronica.

Dallo studio è emerso che Apixaban dovrebbe essere preferito ad altri anticoagulanti orali diretti per il minor tasso di sanguinamento gastrointestinale, e tassi simili di ictus ed emorragia intracranica.
Tuttavia, come per tutte le scelte terapeutiche, è necessaria una considerazione più ampia di tutti i potenziali rischi e benefici, come l'uso di agenti gastroprotettivi nei pazienti ad alto rischio di emorragia gastrointestinale. ( Xagena2022 )

Fonte: Annals of Internal Medicine, 2022

Cardio2022 Emo2022 Nefro2022 Farma2022



Indietro

Altri articoli

Gli attuali strumenti di decisione clinica per valutare il rischio di sanguinamento nei soggetti con fibrillazione atriale hanno prestazioni limitate...


Vi è incertezza sull’uso degli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) nei pazienti con disfunzione renale. Utilizzando il database COMBINE AF...


La tromboprofilassi ottimale per i pazienti ospedalizzati con malattia da coronavirus 2019 ( Covid-19 ) è incerta. In uno studio su...


Nei pazienti affetti da cancro che presentano eventi di tromboembolia venosa ( VTE ), viene raccomandata l'anticoagulazione a lungo termine...


L'ictus ischemico nonostante la somministrazione di un anticoagulante orale diretto ( DOAC ) è sempre più comune e comporta un...


Negli studi cardine randomizzati controllati per i pazienti con fibrillazione atriale, gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) hanno mostrato...


Il profilo beneficio-rischio degli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) rispetto al Warfarin e tra gli anticoagulanti orali diretti nei...


La fibrillazione atriale non-valvolare ( NVAF ) è associata a un aumentato rischio di demenza. Gli anticoagulanti orali ( OAC...


Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...