Associazione dell'uso recente di anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K con emorragia intracranica tra i pazienti con ictus ischemico acuto trattati con Alteplase


Le attuali lineeguida sconsigliano l'uso di Alteplase ( Actilyse ) per via endovenosa nei pazienti con ictus ischemico acuto che stanno assumendo anticoagulanti orali non-antagonisti della vitamina K ( NOAC ).

Sono stati valutati la sicurezza e gli esiti funzionali di Alteplase per via endovenosa tra i pazienti che stavano assumendo gli anticoagulanti NOAC prima dell'ictus e sono stati confrontati gli esiti con i pazienti che non assumevano anticoagulanti a lungo termine.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su 163.038 pazienti con ictus ischemico acuto che assumevano anticoagulanti NOAC o non-assumevano anticoagulanti prima dell'ictus trattati con Alteplase per via endovenosa entro 4.5 ore dall'insorgenza dei sintomi in 1.752 ospedali statunitensi che partecipavano al programma Get With The Guidelines-Stroke tra il 2015 e il 2020, con dati complementari dal registro Addressing Real-world Anticoagulant Management Issues in Stroke.

I pazienti erano stati esposti al trattamento pre-ictus con anticoagulanti NOAC entro 7 giorni prima del trattamento con Alteplase.

L'esito primario era l'emorragia intracranica sintomatica verificatasi entro 36 ore dalla somministrazione endovenosa di Alteplase.
C'erano 4 esiti secondari di sicurezza, inclusa la mortalità ospedaliera, e 7 esiti funzionali secondari valutati alla dimissione dall'ospedale, inclusa la percentuale di pazienti dimessi a casa.

Dei 163.038 pazienti trattati con Alteplase per via endovenosa ( età mediana, 70 anni; 49.1% donne ), 2.207 ( 1.4% ) stavano assumendo gli anticoagulanti NOAC e 160.831 ( 98.6% ) non stavano assumendo anticoagulanti prima dell'ictus.

I pazienti che assumevano anticoagulanti NOAC erano più anziani ( età mediana, 75 anni versus 70 anni per quelli che non assumevano anticoagulanti ), avevano una maggiore prevalenza di comorbilità cardiovascolari e hanno manifestato ictus più gravi ( punteggio mediano NIHSS [ National Institutes of Health Stroke Scale ], 10 vs 7 ) ( tutte le differenze standardizzate superiori a 10 ).

Il tasso non-aggiustato di emorragia intracranica sintomatica è stato del 3.7% per i pazienti che assumevano gli anticoagulanti NOAC rispetto al 3.2% per i pazienti che non-assumevano gli anticoagulanti.

Dopo l'aggiustamento per fattori clinici di base, il rischio di emorragia intracranica sintomatica non è risultato significativamente diverso tra i gruppi ( odds ratio aggiustato, aOR, 0.88; differenza di rischio aggiustata RD, -0.51% ).

Non ci sono state differenze significative negli esiti secondari di sicurezza, inclusa la mortalità ospedaliera ( 6.3% per i pazienti che assumevano anticoagulanti NOAC vs 4.9% per i pazienti che non-assumevano anticoagulanti; aOR, 0.84; RD aggiustata, -1.20% ).

Per gli esiti funzionali secondari, 4 su 7 hanno mostrato differenze significative a favore del gruppo anticoagulanti NOAC dopo l'aggiustamento, inclusa la percentuale di pazienti dimessi a casa ( 45.9% vs 53.6% per i pazienti che non assumevano anticoagulanti; aOR, 1.17; RD aggiustata, 3.84% ).

Tra i pazienti con ictus ischemico acuto trattati con Alteplase per via endovenosa, l'uso di anticoagulanti NOAC nei 7 giorni precedenti, rispetto al mancato uso di anticoagulanti, non è stato associato a un rischio significativamente aumentato di emorragia intracranica. ( Xagena2022 )

Kam W et al, JAMA 2022; 327: 760-771

Neuro2022 Emo2022 Farma2022


Indietro

Altri articoli

Rispetto ad altri anticoagulanti orali diretti, Apixaban è risultato associato a tassi più bassi di sanguinamento gastrointestinale ma tassi simili...


Tra gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) per la fibrillazione atriale, Apixaban ( Eliquis ) può comportare un minor...


Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) hanno ridotto significativamente il rischio di recidiva di tromboembolismo venoso associato al cancro...


L'obiettivo dello studio è stato quello di verificare i benefici e i danni delle diverse opzioni di trattamento negli adulti...


Da una nuova analisi è emerso che gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ), lo standard di cura per il...


I dati sul rischio di sanguinamento post-polipectomia ( PPB ) nei pazienti trattati con anticoagulanti orali diretti ( DOAC )...


Gli anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) sono preferiti rispetto al Warfarin ( Coumadin ) per la prevenzione dell'ictus nella...


Nello studio ENGAGE AF-TIMI 48 ( Effective Anticoagulation with Factor Xa Next Generation in Atrial Fibrillation-Thrombolysis In Myocardial Infarction 48...


I tassi di sanguinamento gastrointestinale per anticoagulanti orali diretti ( DOAC ) e Warfarin ( Coumadin ) sono stati ampiamente...