Fattori di rischio per gravi eventi ischemici cranici nei pazienti con arterite a cellule giganti


Ricercatori dell’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, hanno valutato l’impatto di fattori di rischio cardiovascolare tradizionali, aterosclerosi carotidea e l’effetto della terapia antipiastrinica / anticoagulante sulla presentazione di gravi eventi ischemici a livello cranico nell’arterite a cellule giganti.

Sono stati identificati 180 pazienti residenti a Reggio Emilia con un’arterite a cellule giganti diagnosticata con biopsia tra il 1986 e il 2005.

I segni / sintomi sistemici sono risultati significativamente meno frequenti ( P=0.004 ) e i valori del tasso di sedimentazione eritrocitaria ( ESR ) e della proteina C-reattiva ( CPR ) alla diagnosi sono risultati significativamente più bassi ( P=0.03 e P=0.04, rispettivamente ) nei pazienti con eventi ischemici cranici.

La prevalenza di ipertensione e malattia ischemica cardiaca è risultata significativamente più alta nei pazienti con eventi ischemici cranici che in quelli senza tali eventi ( P=0.01 e P=0.006, rispettivamente ).

I pazienti trattati con terapia antipiastrinica o terapia anticoagulante hanno mostrato probabilità significativamente maggiore di soffrire di eventi ischemici cranici rispetto a quelli non-sottoposti a tali terapie ( P=0.03 ), mentre gli eventi ischemici cranici sono risultati significativamente associati a malattia ischemica cardiaca in questo sottogruppo di pazienti ( P=0.02 ).

Con la regressione logistica multivariata sono stati identificati i migliori predittori per lo sviluppo di eventi ischemici cranici inclusa l’assenza di alti livelli ( maggiori di 5.38 mg/dl ) di proteina C-reattiva alla diagnosi ( OR=0.31 ), l’assenza di manifestazioni sistemiche ( OR=0.30 ), la presenza di ipertensione ( OR=7.77 ) e una storia passata di malattia ischemica cardiaca ( OR=8.65 ).

In conclusione, nell’arterite a cellule giganti l’ipertensione, una storia pregressa di malattia ischemica cardiaca e una bassa risposta infiammatoria sono associate a un maggiore rischio di sviluppare eventi ischemici cranici. ( Xagena2009 )

Salvarani C et al, Rheumatology 2009; 48: 250-253


Reuma2009 Neuro2009 Cardio2009


Indietro

Altri articoli

La combinazione di Tocilizumab ( RoActemra ) più un glucocorticoide a regime decrescente è efficace nel mantenere la remissione clinica...


La biopsia dell'arteria temporale è considerata il gold standard diagnostico per l'arterite a cellule giganti, nonostante circa il 39% dei...


Due studi randomizzati controllati hanno mostrato un effetto di risparmio di glucocorticoidi da parte di Tocilizumab ( RoActemra ) nei...


È stata studiata l'efficacia e la sicurezza dell'anticorpo contro il recettore dell' interleuchina-6 ( IL-6 ) Tocilizumab ( RoActemra )...


Si sospetta che le alterazioni nel sistema immunitario e le infezioni possano aumentare la suscettibilità all'arterite a cellule giganti (...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


A causa dell'ampia variazione nel decorso dell'arterite di Takayasu, prevedere l’esito è difficile. Sono stati valutati i risultati a lungo termine...


RoActemra è un medicinale impiegato per il trattamento di: • adulti affetti da artrite reumatoide in forma grave e in fase...


Nella maggior parte dei pazienti con vasculite necrotizzante sistemica non-grave, la remissione è ottenuta con i glucocorticoidi da soli, ma...


Nel corso del Congresso annuale dell’American College of Rheumatology ( ACR ), sono stati presentati i risultati dello studio di...