Poliarterite nodosa associata a virus dell’epatite C


Uno studio ha analizzato le principali caratteristiche e gli esiti della vasculite del tipo poliarterite nodosa associata al virus dell'epatite C ( HCV ).

Sono state analizzate le caratteristiche e gli esiti di 31 pazienti con infezione cronica da virus dell'epatite C che soddisfacevano i criteri di poliarterite nodosa secondo i criteri dell’American College of Rheumatology e di Chapel Hill, tra il 1990 e il 2009.

In una coorte di 161 pazienti con vasculite correlata a virus dell'epatite C, il 19.2% ha ricevuto una diagnosi di poliarterite nodosa. L’età media era di 64.5 anni con il 54.8% di sesso femminile.

Rispetto alla vasculite crioglobulinemica mista da virus dell’epatite C, la poliarterite nodosa da virus dell’epatite C si è presentata con una forma clinica più grave e acuta, con febbre più frequente e perdita di peso ( p minore di 0.0001 ), ipertensione grave ( p=0.0006 ), coinvolgimento del tratto gastrointestinale ( p minore di 0.0001 ), grave mononeuropatia acuta senso-motoria multifocale ( p minore di 0.0001 ), microaneurismi di rene e fegato ( p=0.0002 ) e aumento della proteina C-reattiva ( p minore di 0.0001 ).

Una completa remissione clinica della vasculite è stata raggiunta nel 79.3% dei casi di poliarterite nodosa da HCV, rispetto al 57.5% dei casi di crioglobulinemia mista da virus dell’epatite C ( p=0.050 ).

In un'analisi multivariata, l'interessamento cutaneo ( odds ratio OR=2.81 ), e la vasculite di tipo poliarterite nodosa ( OR=3.01 ) è risultata indipendentemente associata a una risposta clinica completa della vasculite da virus dell’epatite C. Un tasso di filtrazione glomerulare inferiore a 70 ml/min ( OR=0.54 ) è risultato negativamente associato a una risposta clinica completa della vasculite da virus dell’epatite C.

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è stato pari all'86% in tutta la coorte, indipendentemente dal tipo di vasculite.

In conclusione, la poliarterite nodosa da virus dell’epatite C ha rappresentato il 19.2% della coorte con vasculite da virus dell’epatite C. La poliarterite nodosa da virus dell’epatite C ha mostrato una presentazione clinica più grave e acuta e più alti tassi di remissione clinica. ( Xagena2010 )

Saadoun D et al, Arthritis Care Res 2010; Epub ahead of print
Reuma2010 Inf2010 Gastro2010



Indietro

Altri articoli

La combinazione di Tocilizumab ( RoActemra ) più un glucocorticoide a regime decrescente è efficace nel mantenere la remissione clinica...


La biopsia dell'arteria temporale è considerata il gold standard diagnostico per l'arterite a cellule giganti, nonostante circa il 39% dei...


Due studi randomizzati controllati hanno mostrato un effetto di risparmio di glucocorticoidi da parte di Tocilizumab ( RoActemra ) nei...


È stata studiata l'efficacia e la sicurezza dell'anticorpo contro il recettore dell' interleuchina-6 ( IL-6 ) Tocilizumab ( RoActemra )...


Si sospetta che le alterazioni nel sistema immunitario e le infezioni possano aumentare la suscettibilità all'arterite a cellule giganti (...


Studi istopatologici hanno indicato l'herpes zoster ( HZ ) come un fattore causale di arterite a cellule giganti ( GCA...


A causa dell'ampia variazione nel decorso dell'arterite di Takayasu, prevedere l’esito è difficile. Sono stati valutati i risultati a lungo termine...


RoActemra è un medicinale impiegato per il trattamento di: • adulti affetti da artrite reumatoide in forma grave e in fase...


Nella maggior parte dei pazienti con vasculite necrotizzante sistemica non-grave, la remissione è ottenuta con i glucocorticoidi da soli, ma...


Nel corso del Congresso annuale dell’American College of Rheumatology ( ACR ), sono stati presentati i risultati dello studio di...